Migranti, il business della sicurezza a Calais: quasi 23 milioni di euro

 

E’  impossibile entrare nel campo senza farsi identificare. Codice d’accesso, sistema biometrico di riconoscimento della mano, videosorveglianza. Vista la violenza che c‘è nella giungla di Calais, l’associazione “La Vie Active” che lavora su incarico dello Stato nella gestione del campo ha investito in sicurezza.

Stéphane Duval, direttore dell’associazione “La Vie Active”: “Se non c’erano le recinzioni e il sistema per prendere l’impronta morfologica della mano, avremmo potuto ospitare 40 persone per container e non 12”.

Una scelta che ha una immediata ricaduta sui prezzi. L’associazione “La Vie active” e la prefettura restano vaghi sui numeri, ma riconoscono che in sicurezza viene spesa una buona parte dei 23 milioni di euro budget del campo. Una manna per la società “Biro Securité” che se ne occupa. Il suo dirigente conferma a telecamera spenta che ha assunto 15 persone solo per sorvegliare i containers. E non è tutto. C‘è anche la sorveglianza intorno alla giungla, la sorveglianza dei parcheggi dove si fermano i camion in viaggio per il Regno Unito.

Non c‘è solo il nord della Francia a fare aumentare il giro d’affari delle imprese di sicurezza. Secondo Alain Choukroun, direttore di Zalix Biometrie, l’azienda che ha concepito il sistema biometrico usato nel campo di container, l’andamento è promettente:

In relazione ai flussi migratori il mercato c‘è. C‘è perché la biometria è la sola tecnologia che permette in maniera certa l’identificazione di una persona. Non so se sia legato solo ai flussi migratori o ai flussi migratori e agli atti terroristici avvenuti i Francia. C‘è una crescente domanda di sicurezza noi lo notiamo molto”.

I Paesi europei hanno delegato sempre di più la loro sicurezza ad imprese private. Su 13 miliardi di euro che sono stati investiti per la sicurezza alle frontiere e all’interno del territorio europeo negli ultimi 15 anni, più del 20% è stato accordato a società private.

EURONEWS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -