Scattano i controlli: nel mirino del fisco anche i profili Facebook

 

vacanze

Contrastare l’evasione fiscale attraverso il monitoraggio dei social network. E’ questa una delle strategie che saranno adottate dall’Agenzia delle Entrate per la prevenzione e la lotta all’evasione contenute nelle linee guida pubblicate in una recente circolare, vero e proprio manuale di condotta per i vari uffici territoriali.

“Il fisco – spiega infatti lo Studio Cataldi – userà i propri 007 anche sui social network per contrastare all’evasione. Ma non solo. Le presunzioni nelle verifiche saranno messe all’angolo, sarà incentivato il confronto preventivo e le verifiche sugli immobili e i conti correnti saranno svolte con i guanti, puntando l’attenzione sulle grandi frodi e non sui piccoli importi. Più tempo anche per la voluntary disclosure che sarà chiusa entro il 30 settembre”.

“Cuore nevralgico del contrasto – continua il sito di informazione legale – saranno le banche dati che serviranno a reperire le informazioni per gli accertamenti, ma che dovranno puntare verso un miglioramento qualitativo. Il direttore Rossella Orlandi invita cioè i suoi uomini ad un uso appropriato e all’apertura ad altre “fonti” di analisi, come quelle dei social network, Facebook in primis, ma anche Twitter e Instagram, canali privilegiati di indagine. Si va verso un maggior “garantismo” per gli accertamenti su case e immobili, con una focalizzazione sul confronto preventivo che, precisa la circolare, “costituisce la modalità istruttoria più valida” perché permette al contribuente di fornire chiarimenti e documenti utili a inquadrare più realisticamente le fattispecie oggetto di stima, pervenendo così a valutazioni ‘trasparenti e sostenibili'”.

Maggior ‘garantismo’, quindi, ma anche – e solo nei casi in cui ci sia un’elevata discrepanza fra quanto dichiarato e quanto stimato dal Fisco – la possibilità di accedere all’immobile o nei locali dell’azienda oggetto del controllo alla ricerca di ulteriori informazioni.

“Quanto agli accertamenti bancari – spiega infine lo Studio Cataldi -, l’amministrazione punterà sui “pesci grossi”, ricorrendo alle indagini “solo a valle di un’attenta analisi del rischio dalla quale possano emergere significative anomalie dichiarative e quando è già in corso un’attività istruttoria d’ufficio”. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -