“Blair promuoveva affari sauditi sul mercato cinese”

 

BlairLONDRA, 29 APR – Ennesima rivelazione sull’attività di consulente strapagato esercitata per conto di governi stranieri e regimi vari da Tony Blair in questi anni. Stavolta é il Guardian a denunciare – sulla base di documenti riservati giunti in suo possesso – il ruolo da intermediario e lobbista svolto dall’ex premier, da tempo impopolare in patria, per promuovere interessi d’affari sauditi sul mercato cinese.

E a sottolineare come quest’azione si compì mentre Blair ricopriva – con esito nullo – l’incarico di emissario speciale del Quartetto (Onu, Usa, Russia, Ue) in Medio Oriente. Il giornale svela che l’ex premier si mise al servizio della PetroSaudi, azienda di cui é comproprietario il principe Turki bin Abdullah, figlio del re di Arabia Saudita d’allora, “corteggiando” con successo per suo conto “alcuni dei più influenti leader” di Pechino. E aprendo infine le porte del mercato cinese in cambio del versamento alla propria società di consulenza d’una commissione mensile da 41.000 sterline e del 2% sugli affari conclusi. (ANSA)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -