Mosca, sarà ampliata cooperazione tra Gazprom ed Eni

 

MOSCA – Dopo il successo del progetto Blue Stream, “la cooperazione tra Gazprom ed Eni sarà ampliata ulteriormente: in particolare è prevista la firma di una serie di documenti a margine del Forum Internazionale Economico a San Pietroburgo”. Così il ministro dell’Energia russo Aleksander Novak in un’intervista esclusiva all’ANSA.

Gazprom-Eni

“La cooperazione fra Italia e Russia continua a svilupparsi nonostante le evidenti limitazioni politiche ed economiche: per noi è molto importante e siamo grati ai colleghi italiani per l’approccio costruttivo”, ha detto Novak, in visita oggi in Italia insieme al vice premier Arkadi Dvorkovich.

In particolare per quanto riguarda il progetto Poseidon, “contiamo sulla promozione attiva da parte dei nostri partner italiani per la realizzazione dei progetti su tutta l’infrastruttura necessaria a portare il gas dalla costa russa del Mar Nero all’Italia, sia a livello delle autorità Ue, sia nei rapporti con i paesi terzi attraverso i cui territori passerà il gasdotto”, ha affermato Novak.

gas-poseidon

Il progetto Poseidon è il nuovo gasdotto che collegherà la Grecia all’Italia e fa parte del corridoio gas tra Turchia, Grecia e Italia (ITGI) che permetterà l’importazione in Italia e in Europa di gas naturale proveniente dalle aree del Mar Caspio e del Medio Oriente. Un “progetto promettente”, ha osservato Novak, ricordando che “il gasdotto consisterà di due sezioni, una terrestre e una marittima, che passerà per il fondo del mar Ionio; si prevede che la capacità del gasdotto terrestre ammonterà a 9-16 miliardi di metri cubi all’anno mentre la sezione marittima avrà una capacità di 10-12 miliardi di metri cubi all’anno”.

Anche nel campo atomico la cooperazione italo-russa “ha un potenziale considerevole”, ha proseguito Novak. “L’Italia – ha aggiunto – partecipa attivamente nello smantellamento degli obsoleti sottomarini nucleari e navi a propulsione nucleare russi. Negli ultimi dieci anni sono stati smantellati sei sottomarini nucleari messi fuori servizio dalla marina militare russa. Attualmente è in fase di realizzazione il contratto – firmato nell’autunno del 2015 per un valore di 3,2 milioni di euro – per smaltire il carburante nucleare dai reattori dell’incrociatore nucleare pesante lanciamissili ‘Admiral Ushakov’”. (ANSAmed).

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -