Pordenone, rissa al centro profughi: ​”Lo stavano praticamente lapidando”

 

lapidazione

“Avevano in mano delle pietre, lo stavano praticamente lapidando. Sono arrivato e li ho fermati: loro mi ascoltano. Ho spiegato che è una cosa grave, queste cose non si devono fare”: un racconto choccante, che non proviente dalla capitale dello Stato Islamico o dalla Kabul dei talebani, ma dalla più tranquilla Pordenone.

Eppure è successo anche questo nel centro profughi allestito alla Casa della Madonna Pellegrina della città friulana, dove un richiedente asilo afghano di 23 anni è finito all’ospedale con escoriazioni alla testa e ad un braccio dopo una violenta lite con altri immigrati.

Come riferisce il Messaggero Veneto, un diciannovenne ospite della struttura avrebbe raccontato di essere stato molestato da parte del 23enne, che lo avrebbe anche minacciato. Di fronte a queste accuse, altri due afghani avrebbero preteso di vendicare l’abuso subìto dal giovane connazionale, tentando di lapidare sommariamente il profugo 23enne. Solo l’intervento del custode del centro – a cui è da attribuire la citazione che apre questo articolo – è riuscita a placare gli animi.

I carabinieri e i sanitari intervenuti sul posto hanno trovato l’aggredito con un grosso ematoma sulla fronte e ferite al volto e a un braccio. Purtroppo, però, all’arrivo delle forze dell’ordine gli aggressori si erano già dati alla fuga. IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -