UE: creazione guardia di frontiera. Grave cessione di sovranità per gli Stati membri

Se un qualunque euroburocrate, designato da chissà chi, puo’ dare ordini su chi deve o entrare uscire da un Paese, significa che quello è, a tutti gli effetti, UN PAESE SOTTO OCCUPAZIONE. E noi lo saremo presto.

separator

Martedì 15 dicembre, a Strasburgo, la Commissione europea presenterà una proposta legislativa per la creazione di una vera e propria guardia di frontiera e guardacoste dell’Ue che, se approvata dai governi e dall’Europarlamento, comporterebbe una cessione importante di sovranità da parte degli Stati membri in un settore (la difesa dei confini) che è stato finora tradizionalmente ed esclusivamente appannaggio dei poteri nazionali.

frontex

Secondo anticipazioni di stampa, la polizia di frontiera europea sarebbe composta in particolare di 1.000-2.000 uomini, provenienti da una riserva apposita costituita in diversi Stati membri e pronta a essere mobilizzata in due-tre giorni, per andare a sorvegliare i confini esterni dello spazio Schengen in caso di crisi non gestibile da parte del paese responsabile. Questo intervento di tipo “federale” potrebbe avvenire, teoricamente, anche contro il volere dello Stato membro interessato, se la Commissione europea lo giudicherà necessario dopo aver chiesto a quel paese di risolvere rapidamente la crisi con le proprie forze e aver constatato il fallimento del tentativo. Solo l’opposizione di una maggioranza qualificata di Stati membri potrà bocciare una simile proposta della Commissione.

Quella sulla guardia di frontiera e guardacoste europea sarà la più importante delle otto proposte del terzo pacchetto della Commissione per far fronte alla crisi migratoria, costruire una vera e propria politica comune dell’immigrazione e dell’asilo, rafforzare i controlli alle frontiere esterne dell’Unione ( ovvero abolire quelli interni, ndr), tutelare il mantenimento della libera circolazione delle persone nello spazio di Schengen.

La proposta prevede che sia l’agenzia Frontex ad assumere la capacità operativa e il ruolo di autorità pubblica, con poteri di polizia che potrebbero essere definiti “federali”, necessari a esercitare la sorveglianza diretta delle frontiere esterne. Frontex avrà anche il potere di espellere e rimpatriare con propri voli direttamente i migranti irregolari “economici”, quelli, cioè, a cui non sarà stato riconosciuto il diritto d’asilo.

La Commissione dà per scontato l’appoggio dell’asse franco tedesco, ma si attende una forte opposizione da parte di alcuni paesi, in particolare quelli dell’Europa centro orientale (a partire dalla Polonia), gelosi della propria sovranità per il controllo delle frontiere e già ai ferri corti con Bruxelles per l’imposizione del “metodo comunitario” e delle decisioni a maggioranza qualificata (attuate finora con il contagocce) nella vicenda delle “relocation”, il ricollocamento negli altri Stati membri di una parte dei rifugiati giunti in Italia e Grecia.

La proposta sarà presentata dalla Commissione alla stampa e alla plenaria del Parlamento europeo nel pomeriggio del 15 dicembre, e poi discussa dai capi di Stato e di governo al prossimo Consiglio europeo a Bruxelles, il 17 e 18 dicembre. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -