Sud Sudan: 12 dipendenti Onu presi in ostaggio da ribelli

Dodici civili dipendenti di Unmiss, la missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan, sono ostaggio di unita’ ribelli che sostengono l’ex vice-presidente Riek Machar.
Lo ha denunciato un portavoce dell’Onu, Stephane Dujarric, confermando che 20 caschi blu catturati insieme con i funzionari sono stati invece rilasciati.

Sud-SUdan-armi-ribelli-Onu

Secondo il responsabile – scrive l’agenzia Misna – l’attacco si e’ verificato lunedi’ scorso lungo il corso del Nilo, a nord della citta’ di Malakal. I ribelli avrebbero assaltato una chiatta che trasportava benzina, armi ed equipaggiamenti destinati ai “caschi blu”. Dopo il rilascio i peacekeeper sono stati trasferiti in elicottero a Malakal. Ancora irreperibili invece i 12 dipendenti, tutti di nazionalita’ sud-sudanese. Nel paese africano, dilaniato da un conflitto civile da ormai quasi due anni, Unmiss puo’ contare su circa 12.500 soldati e agenti di polizia.(AGI)
Clamoroso – Sud Sudan: l’ONU fornisce armi ai ribelli

L’esercito regolare ha scoperto un carico indirizzato alle milizie di Riek Machar

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -