Niente soldi per i malati di Sla, Usala riprende lo sciopero della fame

 

“Da oggi sono di nuovo in sciopero della fame, sin quando non mi ricoverano in Rianimazione dove rifiuterò ogni trattamento clinico, compresa idratazione e alimentazione”. Con queste parole Salvatore Usala, segretario del Comitato 16 novembre, leader delle lotte per i diritti dei malati di Sla, ha annunciato la ripresa della protesta estrema dopo che aveva deciso di interromperla ai primi di agosto in seguito alle garanzie avute dalla Regione sull’erogazione dei fondi per i malati gravi ed i corsi per gli assistenti.

“Questa protesta è rivolta ai nostri governanti, in particolare al presidente della Regione Francesco Pigliaru – ha sottolineato Usala – che ha preso impegni con tanto di date, tutti disattesi. Io mi vergognerei di un tale comportamento, indegno di una classe dirigente. Gli impegni riguardavano il bando per i corsi caregiver da espletarsi entro il 31 agosto e l’assegnazione alle società appaltanti entro settembre; la determina per il pagamento del contributo nazionale entro il 15 settembre; la delibera per 4,607 mln di euro del fondo nazionale entro il 20 settembre. Impegni disattesi”. ansa



   

 

 

1 Commento per “Niente soldi per i malati di Sla, Usala riprende lo sciopero della fame”

  1. Che I….I tocca sopportare, questi non si fermano davanti a nulla addirittura stiamo parlando di malati di SLA, non di malati immaginari, e tutti tacciono, io dico che chi di dovere si dovrebbero Vergognare.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -