Congo: oltre 1.500 ragazzini addestrati al jihad, dilaga il fondamentalismo

congo

 

Oltre 1.500 bambini tra i nove e i quindici anni addestrati al jihad in alcuni campi della Repubblica Democratica del Congo. E’ quanto rivela un rapporto inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs). Alcune fonti vicine alla fondazione pontificia – che per ragioni di sicurezza preferiscono mantenere l’anonimato – sostengono che nel paese africano molti ragazzi siano attratti con l’inganno in campi di addestramento per poi essere formati da ultrafondamentalisti islamici.

Nell’est del paese, vicino alle montagne del Ruwenzori, vi sarebbero almeno tre centri di formazione jihadista, mascherati da campi di addestramento militare. Assieme ai giovani anche alcune ragazze detenute per poi essere date in mogli agli estremisti. Una volta sposate, i jihadisti le tratteranno come schiave sessuali.

“Le prove che ci sono state fornite non lasciano alcun dubbio sulla natura di questi centri”, afferma Maria Lozano, vice direttore internazionale della comunicazione di Acs. Tra i documenti inviati ad Acs anche numerose fotografie che mostrano bambini e adolescenti in uniforme, costretti ad addestrarsi da uomini armati.

“Siamo molto preoccupati per la sorte di questi ragazzi – continua Lozano – che sono stati sottratti alla strada con la promessa di un’alternativa alla poverta’. Molti di loro sono orfani mentre altri sono stati affidati ai fondamentalisti dalle famiglie, convinte che i propri figli avrebbero ricevuto un’istruzione in Europa, Medio Oriente o Canada”.

L’azione dei fondamentalisti spiegherebbe l’aumento della comunita’ islamica nella Repubblica Democratica del Congo, passata dall’1 al 10% della popolazione nel corso degli ultimi anni. Anche il numero dei luoghi di preghiera islamici e’ cresciuto notevolmente. Nella regione di Medina, ad esempio, 28 delle 44 moschee presenti sono sorte in tempi recenti – tra il 2005 ed il 2012 – e in aree di modestissima presenza musulmana.

Nel maggio scorso, i vescovi della provincia ecclesiastica di Bukavu hanno inviato una lettera aperta al presidente Joseph Kabila per denunciare l’ascesa del fondamentalismo islamico in una regione finora a maggioranza cristiana. “Ma le loro parole – nota Maria Lozano – sono rimaste inascoltate”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -