Arrivano via mare e via terra: 30 clandestini sulla A23, chiedono asilo politico

Trieste  – Trenta clandestini a piedi sulla A23, chiedono asilo politico. Erano le 8 di mattina e gli agenti della Polizia Stradale sono rimasti in un primo momento quasi basiti vedendosi di fronte la scena di trenta persone in fila indiana che percorrevano a piedi l’autostrada A23 in pieno orario “pendolare”, quindi con un traffico anche abbastanza sostenuto.

Trenta migranti di nazionalità afghana e pakistana intercettati e fermati dalla Polizia stradale di Amaro, allertati dalla segnalazione di un automobilista.

Camminavano a passo tranquillo i trenta, incuranti delle auto che sfrecciavano a pochi centimetri da loro. Andavano in direzione sud. I clandestini erano stati probabilmente appena scaricati da un camion o furgone arrivato in Italia dal confine con l’Austria. Tutti quanti hanno richiesto asilo politico.

triesteprima.it

Un ennesimo gruppo di clandestini era stato segnalato in Friuli, notato da persone del posto, nel territorio del comune di Majano (Udine) e in quello di San Daniele. Circa 20 persone si erano dirette, a piedi, verso Buja, Osoppo e altre località limitrofe. La polizia stradale, la polizia locale e i carabinieri li avevano individuati e identificati.

I trafficanti di uomini abbiano diversificato di molto le zone di abbandono dei clandestini che, negli ultimi giorni, sono stati trovati anche a Prepotto, al confine con la provincia di Gorizia, e a Porpetto, nella Bassa.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -