Burundi, golpe fallito: 105. 000 profughi riparati nei Paesi vicini

 

Sono 105.000 i profughi del Burundi che sono riparati in Tanzania, Ruanda e Repubblica democratica del Congo per sottrarsi alle violenze legate alle proteste contro il presidente Pierre Nkurunziza, sfociate nel fallito golpe di mercoledi’. Lo ha reso noto l’Unhcr, l’agenzia dell’Onu per i rifugiati.
In 70.200 hanno raggiunto la Tanzania, in 26.300 il Ruanda e in quasi 10.000 il Nord Kivu, regione della Repubblica democratica del Congo, ha riferito la portavoce Karin de Gruijl.

Tre generali che hanno tentato un colpo di Stato contro il presidente sono stati arrestati: lo riporta la Bbc online sottolineando tuttavia che il leader del golpe, il generale Godefroid Niyombare “è ancora in fuga”. In precedenza Niyombare aveva detto che si sarebbe arreso insieme agli altri generali: “Spero che non ci uccidano”, aveva commentato. Nel frattempo, il presidente è tornato nel Paese.

 

Pesanti combattimenti nei dintorni della radiotelevisione nazionale del Burundi, a Bujumbura, i lealisti affermano di conservare il controllo dell’emittente. Nel Paese regna la confusione all’indomani del golpe contro il presidente Pierre Nkurunziza. Quest’ultimo è intervenuto alla radio da un luogo tenuto segreto per condannare i golpisti e promettere che perdonerà chi si arrenderà. Poi le trasmissioni sono state interrotte per alcuni minuti a causa degli scontri nei dintorni.

“La situazione è sotto controllo e l’ordine costituzionale è salvaguardato”, ha scritto su twitter, invitando alla calma, Nkurunziza che al momento del golpe si trovava in Tanzania.

Mercoledì il generale dissidente Godefroid Niyombaré ne ha annunciato la destituzione, dopo circa tre settimane di proteste contro la sua intenzione di presentarsi per un terzo mandato, un’ipotesi vietata dalla costituzione secondo l’opposizione.

Nel corso delle manifestazioni sono morte almeno 20 persone, si tratta della crisi più grave dalla fine della guerra civile nel 2005. Il golpe è stato condannato dall’Unione Africana che si è riunita d’urgenza.

burundi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -