Luttwak: l’Italia cambi la Costituzione, licenzi gli statali e usi la forza in caso di proteste

Edward-Luttwak

 

9 apr – «La via d’uscita per rispondere a una disoccupazione giovanile a livelli tragici è licenziare i dipendenti pubblici che svolgono mansioni improduttive e tagliare le tasse. Se i sindacati vogliono bloccare l’unica via di salvezza per la Repubblica Italiana, lo Stato ha il dovere di combatterli». Parole di Edward Luttwak, economista, politologo e scrittore americano, proprio quando, grazie al Def, si torna a parlare di spending review, con Carlo Cottarelli che aveva fatto intendere di aver predisposto «ipotesi concrete di revisione della struttura dello Stato», con esuberi di dipendenti pubblici che, secondo una stima preliminare, sarebbero pari a 85mila entro il 2016.

Domanda. Professor Luttwak, può essere questa la strada per risanare la nostra economia?
Risposta. Per comprenderlo, dobbiamo guardare all’esempio britannico. Il governo di Cameron ha trovato l’unica via d’uscita dalla crisi che affligge i paesi europei. Ha licenziato 490 mila dipendenti pubblici, impiegati nell’apparato burocratico e amministrativo, senza mandare a casa un solo poliziotto, insegnante o infermiera. Invece di aumentare la disoccupazione, siccome questo provvedimento è stato immediatamente usato per tagliare le tasse sul consumo e sui redditi, ha favorito la creazione di nuovi posti di lavoro. Ciò ha attratto persone di altri paesi Ue in cerca di lavoro, soprattutto per le mansioni più qualificate, e ha aumentato i consumi.

D. Quali sono state le conseguenze per l’occupazione?
R. In questo modo Cameron ha creato 1,5 milioni di posti di lavoro, facendo scendere la disoccupazione al di sotto del 7%. In particolare, è stata rilanciata l’occupazione giovanile, tanto è vero che Londra è piena di neolaureati italiani che puliscono i bagni. Il paradosso è che i giovani italiani si rifiutano di fare i camerieri nel loro Paese, ma una volta all’estero accettano qualsiasi offerta di lavoro.

D. Ma non esistono altre soluzioni meno «lacrime e sangue»?
R. Quella adottata da Cameron è l’unica ricetta possibile per rilanciare l’economia. Occorre licenziare un grande numero di dipendenti pubblici, tagliare immediatamente le tasse e sostenere i consumi. In questo modo gli ex lavoratori nell’amministrazione che prima erano improduttivi possono essere «riciclati» in occupazioni produttive. Nei bar e nei ristoranti molte mansioni sono svolte da extracomunitari, ma gli italiani in questi ruoli sarebbero ancora più adeguati se non si rifiutassero di accettare queste offerte. Una volta espulsi dal settore pubblico improduttivo non potranno più rifiutare e si metteranno a lavorare. Il lavoro è in se stesso una virtù, mentre fare finta di lavorare, come avviene in tanti uffici pubblici, rappresenta un vizio.

D. Davvero Renzi avrà il coraggio di tagliare 85mila posti di lavoro nello Stato entro il 2016 come ipotizzato da Cottarelli?
R. Questo non lo so, ma non esiste altra soluzione. Quando un Paese ha accumulato 2 mila miliardi di debito pubblico, non ci si può indebitare ancora di più. E quando un Paese non stampa la sua moneta non può nascondere tutto con l’inflazione. Le alternative quindi sono solo due: rimanere paralizzati con questi livelli di disoccupazione oppure rilanciare l’intera economia tagliando le tasse. Per farlo occorre licenziare un gran numero di dipendenti del settore amministrativo, politico e burocratico.

D. La legge italiana consente di licenziare i dipendenti pubblici?
R. Se è necessario, andrà cambiata la legge o persino la Costituzione, ma non esiste altra via d’uscita. Bisogna rilanciare l’economia e non si può farlo senza tagliare le tasse. L’unico modo per farlo consiste nel tagliare la spesa pubblica, cioè licenziare la massa impiegatizia inutile che in Italia è composta perlomeno da 700 mila dipendenti. Nell’era della tecnologia, tutti i tribunali italiani usano ancora la carta, mentre dovrebbero essere già digitalizzati.

D. I sindacati italiani saliranno sulle barricate…
R. Nel Regno Unito sono saliti sulle barricate e hanno organizzato un’enorme manifestazione a Trafalgar Square. Il capo della Polizia di Londra ha detto ai suoi uomini che quando alle 17 sarebbe uscito dal suo ufficio, non voleva trovare un solo manifestante nella piazza, e così è stato. Per rispondere ai sindacati va quindi usato il numero di poliziotti e il livello di forza che sono necessari. Se i sindacati vogliono bloccare l’unica via di salvezza per la Repubblica Italiana, lo Stato deve combattere i sindacati.

Ilsussidiario.net



   

 

 

2 Commenti per “Luttwak: l’Italia cambi la Costituzione, licenzi gli statali e usi la forza in caso di proteste”

  1. Luttwack ono vent’anni che spari cazzate in Italia. Non sarà l’ora di andartene affanculo altrove?

  2. Dio ti ringrazio! Esistono ancora uomini in grado di capire che ció che ha portato allo sfacelo la nostra economia é stato il peso enorme delle tasse per mantenere un immenso apparato di inutili dipendenti pubblici. Per dare certezza di stipendio e diritti a loro, gli artigiani, i commercianti e tutti i lavoratori autonomi, tartassati, devono fallire, licenziare e suicidarsi!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -