Renzi sceglie la ex del figlio di Napolitano: bufera nel PD

madia11 dic. – Matteo Renzi ha presentato la sua segretria. Una squadra di 12 persone, di cui ben 7 sono donne. “Perché a noi le pari opportunità non bastano”, ha spiegato il sindaco di Firenze in maniera spiritosa. Fra le sette donne c’è Marianna Madia la cui carriera politica è cominciata nel 2008 quando l’allora candidato premier del Pd, Walter Veltroni la scelse con una delle sue capolista a Roma. Ma la sua inesperienza e una passata relazione con Giulio Napolitano (il figlio del presidente della Repubblica) le sono valse molte critiche. Nonostante ciò negli ultimi anni si è contraddistinta sempre per l’attaccamento ai “valori” della sinistra.

[dividers style=”2″]

“Gli attacchi a Marianna Madia sono inaccettabili e sembrano non appartenere per toni e modalita’ a quella che dovrebbe essere la vera identita’ del Partito Democratico”, cosi’ le deputate democratiche Pes, Rotta, Tidei, Malpezzi, Mura, Simoni, Sanna, Zampa, Coccia, Moretto, Moretti, Gadda, Ghizzoni, Scuvera, Rubinato, Morani, Iori, Quartapelle, Manzi, Marzano, Pini, Sbrollini, Rostan, Rocchi, Villecco Calipari, Piccoli Nardelli, in una nota sulla lettera aperta di Chiara Geloni, direttore uscente di Youdem Tv, la web tv del Pd.

In un post pubblicato sull’Huffington Post la giornalista aveva attaccato duramente la neo eletta responsabile lavoro della segreteria di Renzi, accusandola di trasformismo politico. “Appare incomprensibile come una collega possa e debba essere giudicata sulla base della presunta appartenenza a una corrente piuttosto che sulla valutazione del lavoro svolto in questi anni in Parlamento – proseguono le deputate – Marianna e’ stata scelta per merito, su questo non vogliamo ci siano dubbi: la sua competenza sui temi del lavoro e’ nota a tutti, cosi’ come la disciplina e la passione con cui svolge il suo mandato. Da donne e da democratiche prendiamo le distanze da attacchi generici e pretestuosi, volti a riproporre gli scontri interni legati a quella brutta malattia che e’ il correntismo. Ci auguriamo che nel nuovo corso del Pd certe vecchie logiche lascino il passo alla volonta’ di lavorare insieme, da veri colleghi, non da rivali”.



   

 

 

3 Commenti per “Renzi sceglie la ex del figlio di Napolitano: bufera nel PD”

  1. Mhmmmm non sapevo che l’essere corretti significa avere una brutta malattia….
    Ma c’è qualcuno di sensato in quel palazzo? Ma nell’aria che respirate in quel palazzo ci dev’essere un batterio che vi fa letteralmente rimbambire per poi sparare minkiate!!!

  2. Renzi e uguale a tutti i sinistroidi ma che credevate che la gente e stupida che non ha capito tutte le manfrine che fate! chi doveva vincere le primarie e facile capirlo dai discorsi e i movimenti che facevate era tutto chiaro, Cuperlo era portato da D’Alema poi Renzi era portato umma umma da Napolitano e il povero Civati aveva fatto affermazioni sulla Cancellieri,e che aveva parlato dall’inizio, che bisognava cambiare radicalmente all’interno del partito, e di conseguenza se la presa nel c… ed abbiamo capito come funzionano le cose, speriamo nel popolo con i forconi solo così possiamo salvarci dai B…….!!!

  3. Sei uomini , sei donne + una per il capo : segreteria perfetta

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -