Roma: il 90% dei negozi cinesi non fa scontrini

21 mag – Evasione fiscale totale, o quasi, nei negozi cinesi a Roma. A non fare lo scontrino sono infatti quasi il 90% degli esercizi commerciali controllati dalla Guardia di Finanza nella Capitale. E’ quanto emerge dai dati delle Fiamme gialle, relativi al primo quadrimestre del 2012, diffusi dall’Adnkronos. Su 245 controlli effettuati dall’inizio dell’anno in tema di scontrini e ricevute fiscali, ben 216 hanno avuto esito irregolare, una percentuale pari all’88,16%. Un dato allarmante, che e’ anche in crescita rispetto al 2011, anno in cui le irregolarita’ riscontrate sono state pari all’85,54%.

Le analisi patrimoniali della Gdf evidenziano “il sistematico disallineamento fra la ricchezza posseduta e la redditualita’ dichiarata”. Basta andare a leggere i dati sulle societa’ che hanno sede nello storico quartiere dell’Esquilino: il 35% delle imprese dichiara un volume d’affari pari a zero, ovvero una completa assenza di operativita’, il restante 65% non supera i 20mila euro. Quanto al reddito imponibile, il 95% delle aziende dichiara meno di ventimila euro.

Non solo. Le Fiamme gialle hanno potuto riscontrare “metodologie operative connotate da elevata pericolosita’ sociale”. Un altro aspetto preoccupante emerge infatti guardando i numeri relativi alla contraffazione. Sempre nel corso dei primi quattro mesi dell’anno, sono stati infatti sequestrati oltre 3 milioni di prodotti contraffatti.

Dalla borsa griffata all’ultimo successo musicale, dai giocattoli per bambini ai film ancora al cinema, una buona parte dei prodotti contraffatti immessi nel mercato della Capitale passa per i magazzini dei negozi cinesi. Nel 2011 la Guardia di Finanza ha sequestrato quasi 17 milioni di prodotti illecitamente riprodotti, non sicuri e privi del marchio di approvazione della Comunita’ europea.

Da un punto di vista sociale, il comportamento dei membri della comunita’ cinese “sembra essere molto distante” da quello cui siamo abituati. L’utilizzo del denaro contante e’ la norma, mentre il ricorso a banche e finanziarie e’ quasi nullo. La conseguenza e’ che, sempre nel 2011, sono state confiscate banconote per un valore di quasi 200mila euro e denunciate all’autorita’ giudiziaria 243 persone. adnk



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -