Le vie percorribili per cacciare il Caimano

Dopo aver tentato tutte le vie percorribili per cacciare il Caimano, a partire (trascurando il corposo pregresso) dallo storico 14 dicembre 2010, sono in molti a prospettargli una “exit strategy” per il tramite di un salvacondotto giudiziario; neanche parlassero in nome e per conto della magistratura inquirente e giudicante.

Pur essendo noti i devastanti incroci tra magistratura e politica, io, nella più incorreggibile ingenuità, continuo a stupirmi di quanto sta accadendo. È inutile che mi sforzi a capirne di più, tanto appaiono evidenti i fatti. Molto difficile è invece capire come ne usciremo.

Quasi vent’anni fa si era accesa la candida speranza di cambiamento e di riforme liberali. La somma algebrica degli ultimi anni ci dà un saldo negativo rispetto alle speranze eccessive del ’94. Il guaio (o la fortuna?) è che noi italiani siamo fatti in un certo modo:straordinari, e forse incredibili, nelle situazioni di emergenza; quando rientriamo nella routine buttiamo nella spazzatura l’esperienza maturata e torniamo a essere quelli che siamo, e siamo sempre stati.

Le leggi, i regolamenti e le norme, che si accumulano e si stratificano nel tempo, non intervengono certo sul nostro Dna. Fa comunque impressione ascoltare un Buttiglione qualsiasi (e non solo lui) quando propone a Berlusconi il passo indietro con salvacondotto giudiziario. Sarà anche questa democrazia, ma fa vomitare.

Guglielmo Donnini

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -