“Noi creiamo lavoro”, ma Inps smentisce Zingaretti: assunzioni -43%

Le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati nei primi cinque mesi del 2020 sono state 1.795.000. Rispetto allo stesso periodo del 2019 la contrazione è stata molto forte (-43%) per effetto dell’emergenza legata alla pandemia Covid-19 e delle conseguenti restrizioni (obbligo di chiusura delle attività non essenziali) nonché della più generale caduta della produzione e dei consumi. E’ quanto emerge dai dati contenuti nell’osservatorio sul precariato diffuso oggi dall’Inps. Tale contrazione, rileva l’Istituto, è risultata particolarmente negativa nel mese di aprile (-83%), con un miglioramento a maggio (-57%). La contrazione ha riguardato tutte le tipologie contrattuali; in maniera nettamente accentuata ciò si osserva per le assunzioni con contratti di lavoro a termine (stagionali, intermittenti, somministrati, a tempo determinato).

Ieri, attaccando Salvini come al solito, Zingaretti ha detto: “Le parole di Salvini sono una conferma che del funzionamento dello Stato e della democrazia non gliene importa nulla. Pensa solo a se stesso. Il lavoro lo creiamo noi con i fatti non lui coi i picconi. Con l’Europa ora abbiamo davanti grandi opportunità di investimento per le infrastrutture e innovazione, sostegno e sviluppo per le imprese.”

 

 

Condividi