Prostitute in schiavitù, “costretta ad abortire 7 volte”. Arrestati bulgari

Condividi

 

San Severo, prostitute ridotte in schiavitù. Una vittima costretta ad abortire sette volte. I carabinieri di San Severo hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di due cittadini bulgari, marito e moglie, accusati di aver costretto alcune loro connazionali a prostituirsi.

Gli accertamenti, racconta FoggiaToday, sono scattati dopo che una giovane donna bulgara, costretta a vendere il proprio corpo in strada, con grande coraggio, ha denunciato i propri aguzzini.



Le vittime venivano instradate alla prostituzione con minacce palesi e ricatti. Una delle donne sarebbe stata più volte costretta ad effettuare aborti, almeno sette, a seguito dei quali la stessa avrebbe avuto gravi complicazioni di tipo ginecologico. Non solo: alle vittime venivano sottratti, sistematicamente, quasi tutti i proventi dell’attività e, spesso, non veniva data loro neanche la possibilità di fruire del pasto.

Le donne erano costrette a stare per strada fino a quando non avessero guadagnato le somme ritenute sufficienti dai loro aguzzini per quella “giornata di lavoro”.

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -