Burkina Faso: uccisi 14 civili, quasi tutti studenti

Un ordigno artigianale è esploso mentre un autobus attraversava il nord-ovest del Burkina Faso, uccidendo almeno 14 civili, secondo un bilancio ancora provvisorio.

L’esplosione è avvenuta sulla strada Toeni-Tougan (provincia di Sourou, al confine con il Mali). La valutazione provvisoria è di 14 morti e quattro feriti gravi che sono stati subito soccorsi” , ha riferito una fonte di sicurezza ad Agence France-Presse (AFP). Le vittime sono quasi tutti studenti che tornavano nel loro luogo di studio dopo aver trascorso le vacanze di fine anno con le loro famiglie.

Il Burkina Faso, al confine con Mali e Niger, sta affrontando attacchi jihadisti che hanno causato circa 750 morti e 560.000 sfollati dal 2015. Il Nord e l’Est sono particolarmente colpiti. Ouagadougou, la capitale, è stata colpita tre volte.

Gli attacchi con ordigni artiginali, iniziati nell’agosto 2018, si sono moltiplicati da allora. Martedì in un discorso televisivo alla nazione, in occasione del nuovo anno, il presidente del Burkinabé Roch Marc Christian Kaboré ha assicurato che la “vittoria” sul “terrorismo” era “certa”.

www.bfmtv.com

Burkina Faso, islamisti contro l’istruzione: insegnanti uccisi, 1800 scuole chiuse

Condividi