Rep. di San Marino, è davvero un “Nuovo Corso” quello aperto in Banca Centrale?

Condividi

 

di Rocco Luglio

“(…) pertanto saranno prontamente esperite tutte le necessarie azioni nelle opportune sedi giudiziarie a tutela della reputazione di Bcsm e di tutte le persone che con dedizione e professionalità lavorano ogni giorno in silenzio per essa e per il bene del Paese”. (http://www.libertas.sm/notizie/2019/09/19/san-marino-bcsm-minaccia-le-vie-legali.html)

 

EVVIVA!

Per cui, finalmente, con il nuovo corso in Banca Centrale e con questa sorta di operazione “Santa Lucia” (protettrice degli occhi) che consentirà a tutti, grazie alla lunga vista dei Commissari e la futura trasparenza delle attività bancarie a San Marino di scoprire i nomi dei responsabili di quanto ha portato la Repubblica dov’è ora e vedere condannati tutti i responsabili delle malefatte ANCHE di BCSM stessa a quanto pare protratte fino a pochi mesi fa, nonostante avvisi, moniti e informazioni sensibili in proprio possesso sulle illecite attività di componenti i vari direttivi all’interno della Banca Centrale, Vigilanza su tutte?

Ci sarà speranza quindi di vedere stigmatizzati i comportamenti della cricca che operò al suo interno almeno dal 2009 al 2017 (chissà se lo svizzero andrà in galera?) e che in seguito alla ricezione di esposti, denunce e quant’altro rispose come qui di seguito?

Cioè Banca Centrale a chi le consegnava informazioni e documentazioni ponendo domande etiche, giuridiche e morali rispose che non rispondeva, geniale!

I vari Giannini, Vivoli, Jelpo (Gumina no perché è deceduto) avranno finalmente quanto gli spetta? In termini giuridici,  il resto mi pare lo abbiano già avuto lautamente grazie alle tasche dei sammarinesi che pagavano i loro stipendi e forse grazie a qualche extra dovuto alla loro preziosa cecità.

In fondo se ora la Repubblica si trova presa per un orecchio dalle Istituzioni straniere e deve risolvere l’enorme problema che coinvolge tutti, dal Tribunale alle SDS, lo deve proprio alle balle per iscritto inviate a vittima di furto in Banca Commerciale Sammarinese dall’allora responsabile Vigilanza Mario Giannini (leggi sotto).

Quanto dichiarato infatti è stato smentito due anni dopo da Decreti Commissariali a firma Dott. Cherubini presenti in uno scottante fascicolo penale e civile al Tribunale Unico fin dal 2014.

Ma, non solo, addirittura si è scoperto anni fa (e regolarmente comunicato a BCSM, che però come avete letto se ne “batteva i cabbasisi” montalbanamente parlando)  che addirittura il CDA di Banca Commerciale Sammarinese (la principale coinvolta in quanto succitato insieme ad Asset) conosceva perfettamente il problema ma ordinò di resistere in giudizio al fido avvocato delle banche che così fece imbarcandosi in una resistenza temeraria che potrebbe costargli molto, forse tutto (vedi stralcio verbale qui di seguito). Solo però se Giustizia sarà fatta nella Repubblica di San Marino grazie magari a una sinergia utile al Paese tra Magistrato Dirigente e Presidente di Banca Centrale.

Qui sotto quanto rilevato dall’ispezione del Commissario Cherubini

Allerta quindi e comunque, perché non bisogna dimenticare che comunque BCSM, tramite il legale Avv Mazza, molto recentemente ha risposto a chi sottolineava le responsabilità omissive dell’attuale Presidenza come Funzione (a quanto pare, secondo fonti istituzionali italiane, tenuta però all’oscuro di ogni cosa dai propri sottoposti), con una serie di deliri inconcepibili per un professionista che avesse la più pallida idea del ginepraio in cui si stava cacciando avallando così l’esistenza dell’usanza “legale” sammarinese che impone che quando Banca comanda non ci si periti nemmeno di leggere il fascicolo relativo alle accuse nonostante queste siano supportate addirittura dallo Stato Italiano. Del resto Mularoni docet.

Ma noi siamo fiduciosi e gridiam:

Viva il nuovo corso di Banca Centrale, viva la Giustizia!…

Se però davvero ci saran… vivaddio!

PS: Avviso al lettore i fatti riportati nell’articolo qui sopra non disinforma richiamando presunte dicerie, ma ha verificato e riverificato la fondatezza dei fatti riportati”.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -