Business del finto buonismo: Onlus intascava fondi per le donne abusate

Condividi

 

RIMINI, 12 SET – Truffava donne vittime di abusi e intascava soldi chiesti ad amministrazioni locali a titolo di rimborsi o finanziamenti per progetti di aiuto sociale e psicologico per minori l’ex presidente di un’associazione senza scopo di lucro nata per la promozione sociale e contro stalking e violenza di genere. La donna, 35 anni, è stata arrestata questa mattina dai carabinieri di polizia giudiziaria e della compagnia di Riccione al termine di un’indagine coordinata dal sostituto procuratore Davide Ercolani.

I militari hanno dato esecuzione a un’ordinanza del gip Benedetta Vitolo in cui si elencano una serie di reati tra cui truffa, estorsione, minaccia e falso. La donna, ai domiciliari, difesa dall’avvocato Alessandro Sarti, si sarebbe proposta anche come investigatore privato.



Le sue vittime principalmente donne abusate o maltrattate con figli minori. Una di queste nel 2017 l’aveva denunciata raccontando di essersi trovata di fronte a una richiesta di denaro in cambio di servizi di investigazione. (ANSA)



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -