Francia: favoreggiamento immigrazione clandestina, condannato imam

Condividi

 

Un ”rifugiato”  iraniano, imam nella periferia di Rouen, è stato condannato lunedì a tre anni di carcere per aver aiutato i migranti ad attraversare la Manica illegalmente. Inoltre gli è stato vietato soggiornare nel Nord e nel Pas-de-Calais per 5 anni. L’imam n è stato condannato dalla corte di Boulogne-sur-Mer, nel Pas-de-Calais, per aver fornito barche ai migranti che volevano raggiungere la Gran Bretagna. Quando il tribunale penale ha annunciato la sua immediata detenzione, l’uomo è svenuto.

Il tribunale ha anche condannato a 18 mesi di prigione, con 9 mesi di sospensione, un frequentatore della moschea, con il divieto di residenza in entrambi i dipartimenti per tre anni. L’inchiesta era cominciata a marzo, quando i gendarmi scoprirono giubbotti di salvataggio, maglioni bagnati e una barca gonfiabile bloccata sulla spiaggia di Escalles (Pas-de-Calais).



Sette barche comprate – A casa dell’imam, la polizia ha trovato due barche, tre motori e venti giubbotti di salvataggio. Arrestato anche uno dei fedeli della moschea, un cittadino senegalese di 29 anni. I due uomini riconoscono i fatti, ma affermano di aver agito per conto di un terzo individuo, mai identificato dagli investigatori.

In tribunale, il religioso ha evocato un certo Kamal, per il quale stava per acquistare delle barche in ​​un negozio a Deûlémont, al confine con il Belgio. A volte, l’imam chiedeva al suo “migliore amico”, un fedele della moschea, di fare i viaggi. Secondo le indagini, i due uomini hanno acquistato sette imbarcazioni, tra il 27 dicembre 2018 e il 30 aprile 2019, ma dicono di aver capito solo in ritardo che le imbarcazioni servivano agli immigranti illegali per attraversare la Manica. Spiegazioni “che non corrispondono alla realtà”, ha detto il pubblico ministero, il quale ha ricordato che “intercettazioni e geolocalizzazione dimostrano che [l’imam] si spostava regolarmente dalla costa, vicino alle spiagge dove erano state scoperte le barche e migranti “.

Sottolineando la “malafede” degli imputati, l’accusa sottolinea il coinvolgimento dei fedeli, che “cercano nuove imbarcazioni e decidono di aumentare le tariffe quando capiscono che le navi sono destinate agli attraversamenti”.

“È consapevole del reato che ha commesso (..) scioccato da ciò che ha fatto”, ha detto l’avvocato all’Imam, Marie-Alice Fasquelle-Leonetti.

www.france24.com



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -