Svizzera prima in Europa per rimpatrio di “richiedenti asilo”

Condividi

 

A livello europeo la Svizzera è tra i paesi più “efficienti” nell’esecuzione dei rinvii di richiedenti asilo. Nel 2017 ne ha rispediti in patria il 56,8%, contro un tasso del 36,6% per l’Unione europea. Per la Segreteria di Stato della migrazione (SEM), il successo elvetico in materia è dovuto ai numerosi accordi di riammissione siglati da Berna. Nessun paese ha firmato un numero altrettanto cospicuo, 64, di intese con paesi di provenienza dei profughi, ha detto a Keystone-ATS Daniel Bach, portavoce della SEM. Il 56,8% va inoltre considerato come un dato per difetto, poiché le statistiche non contemplano le “partenze non controllate”.

Secondo la SEM, la Svizzera fa pure segnare ottimi risultati nel rinvio verso paesi associati all’accordo di Dublino, intesa secondo cui in buona sostanza le domande di asilo vanno evase nello stato in cui sono depositate. “Per nessun altro paese europeo, Dublino funziona altrettanto bene che per la Svizzera”, si legge in un documento interno della SEM datato 11 aprile 2019, che Keystone-ATS ha potuto consultare. L’anno scorso ha rinviato verso stati membri dell’intesa continentale 1760 richiedenti, mentre ne ha ricevuti 885.



“In stati con una situazione di sicurezza precaria come Afghanistan e Somalia vengono comparativamente realizzati pochi rinvii”, si legge nel documento, di cui ha informato oggi il SonntagsBlick. Il domenicale interpreta il documento affermando che la Svizzera espelle richiedenti “nuovamente verso regioni in guerra”. Il portavoce Bach però smentisce.

Il documento della SEM infatti precisa: “La Svizzera si impegna a eseguire individualmente rinvii legali anche in questi paesi”. Concretamente la Segreteria menziona un volo speciale a Baghdad (Iraq) nel 2017; un primo rinvio accompagnato da agenti di polizia, dopo due anni, verso la Somalia nello scorso novembre; e, dopo un blocco di quasi un biennio, pure un rinvio accompagnato da agenti di polizia verso l’Afghanistan lo scorso mese di marzo.

Quest’ultimo paese asiatico non è considerato interamente come zona di guerra. Alcune regioni, come la capitale Kabul, sono ritenute ragionevoli per un allontanamento; altre no. Questa valutazione non è cambiata, secondo Bach. Lo stesso vale per la Somalia. La SEM, di fronte alla possibilità di eseguire un rinvio, valuta caso per caso i rischi di persecuzione, assicura il portavoce.

La politica elvetica in materia dà prova di creatività. Così, ad esempio, per evitare l’ostacolo generato dal fatto che il Marocco non accetta voli speciali, la Confederazione (quale solo Stato europeo accanto a Spagna e Francia) esegue i rinvii verso il Paese nordafricano con navi.

E del tema dell’asilo oggi si è occupata anche la NZZ am Sonntag, che fornisce dati sul ritiro dell’asilo, dopo un viaggio nel paese d’origine, a rifugiati riconosciuti. Il portavoce della SEM Lukas Rieder indica che su 87 casi sospetti segnalati a una apposita cellula della Segreteria, 40 hanno portato alla soppressione dello statuto di rifugiato, soprattutto tra cittadini originari del Vietnam, ma anche di eritrei e iracheni. In 41 casi un rientro in patria non ha potuto essere provato e sei dossier sono ancora aperti.

Keystone/ATS – – www.ticinonews.ch



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -