La Repubblica di san Marino oggi e il surrealismo

Condividi

 

di Stefano Davidson

Qualcuno forse saprà che oltre a fare il giornalista il sottoscritto prevalentemente è,  a detta altrui, “artista” nonché pratico del surreale (cfr nota1) e proprio per questo avendo  letto in questi giorni una delle notizie più surreali che possano giungere sulle pagine di un quotidiano o su qualunque altro mezzo d’informazione ritengo vada analizzata criticamente.

Allora la notizia è la seguente:

“La Repubblica di San Marino apre le frontiere finanziarie ai correntisti esteri. La novità proposta dalla Banca di San Marino si chiama B1, ovvero il primo conto online completamente digitale aperto a chiunque lo voglia.”

 

Banca_di_San_Marino_logo_vertical

Ora, a prescindere che la notizia dell’apertura del primo conto sia del 1° Aprile (con quanto ne consegue), ci si chiede chi sarà così oculato da decidere di mettere i propri risparmi in mano a una Repubblica che da anni sta letteralmente “confiscando” denaro italiano depositato nelle sue casse (nota 2), abitualmente grazie a sentenze del Tribunale che ha tra i suoi “interpreti giudiziari” fantasiosi giuristi che o non indagano su casi di illeciti finanziari ora di portata internazionale (Commissario della Legge Antonella Volpinari), o archiviano in fretta e furia (senza prendere in considerazioni evidenze di reato che per gli stessi imputati vengono addebitate invece in procedimento nello stesso medesimo Tribunale) prima di una inevitabile avocazione al Magistrato dirigente per la lunga inattività su procedimento però secretato (Commissario Simon Luca Morsiani), che hanno causato l’attuale coinvolgimento della Repubblica tutta o addirittura sono pregiudicati e condannati nello stesso Tribunale (Commissario Buriani chiamato a giudicare la mia denuncia della informazione locale per censura alla quale non ho ancora potuto fare opposizione pouiché la stessa in quel Tribunale NON si trova (cfr link in calce) .

Infatti le domande sono:

  • ma uno Stato che manipola (falsifica? Vedi foto) il proprio Bollettino Ufficiale nella pubblicazione dello stato passivo di una delle Banche con più correntisti esteri e non interviene nella persona del SdS Interni quando informato dell’accaduto, è attendibile come depositario di fiducia finanziaria?
  • Uno Stato che consente la “rapina” di più di un milione di euro a una correntista italiana in maniera così evidente da provocare l’intervento delle Istituzioni italiane e la cui banca Centrale ( per non nominare gli altri intestatari omissori compreso il “fuggitivo” Celli) informata dell’accaduto, risponde con una confessione di  oggettiva omissione di atti d’ufficio (vedi foto), quale appeal finanziario può avere?

  • Uno Stato che consente grazie alla propria Segreteria all’Industria che l’Auditor esterno (italiano) adibito alla certificazione dei conti della propria Banca Centrale certifichi gli stessi anche per due delle banche dalla stessa controllate e poi liquidate amministrativamente (vedi foto) quale garanzie dà?

Ma non sarà che l’attuale Amministrazione sia stata agevolata nell’insediamento e in quanto successivo perché lo scopo è “distruggere” la Repubblica di San Marino esattamente come qualcuno omonimo di qualcun’altro ha fatto portando l’Italia dov’è ora?

Fossi sammarinese mi porrei tante domande ma soprattutto le porrei a gran voce al Governo in carica.

_____________

Nota 1:

cfr. con il PS del seguente articolo https://sergiodicorimodiglianji.blogspot.com/2012/10/paolo-barnard-e-la-grande-lezione-che.html

Nota 2:

cfr. caso Obbligazioni Carisp SM e denuncia correntisti Asset alla Procura di Forlì https://www.comitatoexclienti-assetbanca.com/

Nota 3: https://segretidibanca.wordpress.com/2018/11/01/giornalisti-della-repubblica-di-san-marino-io-vi-denuncio/http://www.tribunapoliticaweb.sm/economia/2018/11/01/29162_stefano-davidson-giornalisti-sammarinesi-vi-denuncio-per-censura/

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -