Rigopiano, violò i sigilli per portare fiori dovʼè morto il figlio: papà andrà a processo

Condividi

 

Alessio Feniello, 57 anni, padre di Stefano, una delle 29 vittime della tragedia dell’Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), andrà a processo. Il gip del Tribunale di Pescara, Elio Bongrazio, ha disposto nei suoi confronti il giudizio immediato, dopo che l’uomo aveva presentato opposizione al decreto penale di condanna, tramite il quale gli era stata inflitta una multa da 4.550 euro per avere violato l’area interdetta dell’hotel. L’uomo aveva infatti “forzato” i sigilli giudiziari per portare dei fiori dove era stato ucciso il figlio. Il processo si terrà il prossimo 26 settembre.

“Ma vi sembra normale che in Italia i magistrati, dopo che mi è stato ucciso un figlio, sprechino denaro pubblico (e le loro energie) per mandarmi a processo solo per aver portato fiori dove hanno ammazzato il nostro ragazzo? È una vergogna. Una vergogna”, ha dichiarato Feniello a Ilfattoquotidiano.it.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -