Stop moschea Pisa, imam: ”faremo ricorso al Tar”

Condividi

 

La comunità islamica ricorre al Tar della Toscana contro le scelte della giunta comunale di centrodestra di Pisa, guidata dal sindaco Michele Conti, che di fatto intendono bloccare la realizzazione della nuova moschea nella zona di Porta a Lucca. Il ricorso alla magistratura amministrativa è stato annunciato al Comune dall’Associazione Culturale Islamica di Pisa, tramite il suo presidente, l’imam Mohammed Khalil.

La comunità islamica ha impugnato le delibere recentemente approvate dalla giunta comunale e il conseguente avvio del procedimento finalizzato a modificare il regolamento urbanistico nelle parti in cui prevede la possibilità di realizzare un luogo di culto in una area privata con il conseguente esproprio del terreno. Il procedimento di variante urbanistica prevede di realizzare un parcheggio pubblico laddove prima era prevista la costruzione della moschea.



Il progetto presentato della comunità islamica prospetta costruzione di una moschea, con il luogo di culto con annesso un centro culturale, dotata di un minareto alto 14 metri e mezzo. L’imam Khalil ha spiegato in sintesi: “tuteleremo il nostro diritto ad edificare in ogni sede giudiziaria, contro ogni atto che sembra ispirato dal solo desiderio di contrastare libertà fondamentali riconosciute dalla Costituzione.  (AdnKronos)



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -