Elezioni Congo: governo blocca Sms e Internet per evitare una rivolta popolare

Condividi

 

I leader nella Repubblica Democratica del Congo: L-R, Tshisekedi, Shadary e Fayulu

Martedì, il governo della Repubblica Democratica del Congo ha detto di aver tagliato i servizi Internet del paese per evitare una “rivolta popolare” mentre le tensioni salgono in attesa dei risultati delle controverse elezioni presidenziali.

L’opposizione ha accusato le autorità di aver interrotto internet per contrastare l’attivismo, mentre le potenze occidentali hanno invitato il governo della nazione africana a ripristinare rapidamente l’accesso al web. Il lungo ritardo del voto (2 anni) si è concluso domenica, quando i tre principali candidati – il successore scelto dal presidente Joseph Kabila e due leader dell’opposizione – hanno affermato tutti e tre che, secondo i primi conteggi, stavano vincendo.



Il consigliere diplomatico di Kabila, Barnabe Kikaya Bin Karubi, ha dichiarato all’AFP che il consiglio di sicurezza nazionale ha deciso che è “imperativo” chiudere l’accesso a Internet per consentire alla commissione elettorale di completare il conteggio e l’elaborazione dei voti. “Ci sono persone che hanno indottrinato il pubblico con numeri falsi riguardo a queste elezioni. Questo ha gettato le basi per una rivolta popolare“, ha detto martedì. Karubi non ha detto per quanto tempo l’accesso a Internet sarebbe stato spento nel paese.

La commissione elettorale ha detto martedì che i risultati provvisori saranno annunciati domenica. I risultati finali sono previsti per il 15 gennaio e il prossimo capo di stato giurerà il 18 gennaio. Il conteggio dei voti procede in un clima di profondo sospetto sulle frodi in un paese segnato da turbolenze politiche e perseguitato dai ricordi di violenza. La Repubblica Democratica del Congo non ha mai avuto una transizione pacifica del potere dall’indipendenza dal Belgio, nel 1960, e le violenze hanno devastato le elezioni nel 2006 e nel 2011. Le preoccupazioni di nuovi scontri sono aumentate due anni fa dopo che Kabila, al potere dal 2001, si era rifiutato di lasciare il potere alla scadenza dei termini.

L’operatore di Internet Global ha detto lunedì all’AFP che l’accesso al web è stato interrotto per un periodo indefinito per ordine del governo. Le autorità hanno bloccato anche gli sms dei telefoni cellulari, secondo quanto dichiara il fornitore di servizi Vodacom. Radio France Internationale ha comunicato che le sue trasmissioni sono bloccate da lunedì sera.

Funzionari dell’Unione europea, degli Stati Uniti, del Canada e della Svizzera a Kinshasa hanno rilasciato una dichiarazione congiunta martedì sollecitando il governo a ripristinare l’accesso a Internet. “Chiediamo che il governo si astenga dal bloccare i mezzi di comunicazione, in particolare l’accesso a Internet e ai media”. Hanno inoltre appoggiato la richiesta dei due principali osservatori elettorali del paese: la Conferenza elettorale episcopale nazionale del Congo (CENCO) e SYMOCEL, un’alleanza delle missioni di osservatori dei cittadini, per ottenere l’accesso ai centri di conteggio dei voti. Un rappresentante del CENCO ha detto all’AFP che agli osservatori è stato negato l’accesso ai centri elettorali in due province: Lomami e Sankuru. Tuttavia, la Commissione elettorale nazionale indipendente (Ceni) ha dichiarato martedì che il conteggio di 179 centri locali “continua normalmente”. La CENI ha anche detto che avrebbe presentato reclami su “vandalismo” in diverse zone durante la notte, senza fornire ulteriori dettagli.

Ci sono tre front runner tra i 21 candidati alla presidenza. La scelta di Kabila, Emmanuel Ramazani Shadary; Felix Tshisekedi, che ora guida il partito UDPS del defunto padre Etienne; e un altro candidato dell’opposizione, Martin Fayulu. I sondaggi di opinione pre-voto hanno indicato che Fayulu, un legislatore poco conosciuto ed ex dirigente petrolifero, era il favorito.

www.vanguardngr.com



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -