Clima, gli europei dovranno sborsare fino a 290 miliardi all’anno

Condividi

 

I calcoli della Commissione: azzerare le emissioni nel 2050 costa 290 miliardi. Settantacinque bastano (forse) per combattere il riscaldamento globale.

Scrive Repubblica che l’Unione europea ha provato, in un rapporto uscito in questi giorni, a stendere il conto. E’ un conto assai salato. Se gli europei vogliono fare la loro parte per salvare il mondo, devono prepararsi a investire pesantemente in nuove energie e in nuove infrastrutture, sborsando da un minimo di 75 miliardi ad un massimo di 290 miliardi di euro l’anno, a seconda degli obiettivi, da qui al 2050. Che non usciranno dal nulla, precisa Bruxelles, ma, in buona sostanza, dalle tasche di famiglie e imprese, sotto forma di tasse (come quelle di Macron sui carburanti) o di bollette. L’equivalente di una cifra fra 150 e 600 euro l’anno, in media, per ogni europeo. Sono un sacco di soldi e la forchetta è assai ampia. Questo perché la Commissione non ha precisato degli obiettivi (saranno i singoli governi e il nuovo Parlamento di Strasburgo a dover decidere), ma ha fissato i paletti entro cui muoversi.



L’Onu calcola che, per rientrare anche solo nel tetto di 2 gradi al 2100, l’economia mondiale dovrebbe triplicare gli sforzi attuali di contenimento delle emissioni.

Finanziamenti per combattere i cambiamenti climatici transitano attraverso ”paradisi fiscali” facendo poi perdere ogni traccia

Le tasse verdi e il sistema marcio dello pseudo-ecologismo

Gli italiani pagano 44 mld di euro l’anno di tasse verdi, DOVE FINISCONO?

BusinessEurope: le ‘tasse verdi’ hanno penalizzato le industrie europee

Lo scandalo delle tasse “verdi”: gli italiani hanno versato 847 miliardi in 20 anni



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -