Renzi: “L’odio porterà i giacobini sul patibolo”

Firenze – Durante i suoi interventi urlati alla Leopolda, Renzi non ha risparmiato nessuno: dagli avversari a quelli del suo stesso partito, tutti sono stati travolti da insulti e offese. Marcello Foa è stato definito “una fake news che cammina“. I rappresentati del governo son  stati spesso appellati come “cialtroni che vogliono distruggere l’Italia” (operazione in verità difficile visto che tale compito è stato già portato a termine dal Pd).

A chi gli chiedeva conto della caduta di Marino come sindaco di Roma, ha risposto di invitare a cena Orfini. E ancora: “Guardate, la storia del mio carattere è una barzelletta, nessuno diceva nulla quando erano ministri”, dice riferendosi a suoi. Insomma, pochi si sono salvati dal livore di Renzi.



Ebbene, dopo due giorni di astio e veleno, riversati a tutto spiano su amici e nemici, Orban compreso, Renzi ha avuto il coraggio di dire: “L’odio quando colpisce fa male, ma noi non ci faremo trascinare, perché sarà quest’odio a portare i giacobini sul patibolo, com’è sempre accaduto“.

Speriamo che sia una sorta di outing…



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -