La piaga delle cimici asiatiche, Coldiretti: “A rischio il 30% dei raccolti”

Divorano mele, pere, kiwi, pomodori e peperoni. Non c’è frutto o ortaggio che disdegnano: perforano la pellicola protettiva dei prodotti per cibarsi della polpa lasciando marcire il resto. La cimice asiatica torna a spaventare gli agricoltori. Secondo un rapporto della Coldiretti le perdite nei raccolti possono arrivare fino al 30% della produzione. Preso d’assalto in particolare il Nord Italia: Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte le regioni più colpite.

Si tratta di insetti piccoli e maleodoranti che con l’autunno tornano a riempire le case in circa di un clima caldo e asciutto. Le cosiddette cimici marmorate asiatiche sono originarie della Cina, del Giappone e Taiwan. In Italia non hanno insetti antagonisti per questo si moltiplicano liberamente diventando una piaga per le coltivazioni.



Le campagne del Nord sono attualmente le più colpite: qui le cimici stanno letteralmente decimando i raccolti. A favorirne la proliferazione un anno particolarmente caldo tanto che si può parlare di una vera e propria invasione. Gli espedienti degli agricoltori si stanno rivelando inefficaci e le perdite nella produzione si aggirano attorno al 20-25% fino a toccare punte del 30%. tgcom24.mediaset.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -