Migranti, garante dei detenuti: nei Cpr gravi criticità, mancano alcuni arredi

ROMA, 19 OTT – Fattori di “gravi criticità” sono stati riscontrati nei 4 centri di permanenza per il rimpatrio (Cpr) visitati quest’anno dal Garante nazionale per i diritti dei detenuti (Brindisi-Restinco, Palazzo San Gervasio (Pz), Bari e Torino).

In particolare, si legge nel rapporto, l’assenza di locali in comune e di alcuni elementi di arredo “pregiudicano pesantemente la qualità della vita” nelle strutture e determinano il “rischio di situazioni di degrado anche nell’esercizio dei più elementari diritti primari”.



Nella sua risposta il Viminale informa di essere “costantemente impegnato” a migliorare i Centri di permanenza per il rimpatrio e mantenere standard di vivibilità, “nel pieno rispetto dei diritti della persona e della sua dignità; ma ogni sforzo compiuto, con significativi oneri, viene spesso vanificato dai continui e violenti comportamenti degli ospiti in danno dei locali e degli arredi, con dirette negative conseguenze sulle loro stesse condizioni di vita”.  ANSA

Migranti incendiano il centro rimpatri di Torino



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -