Migranti, garante dei detenuti: nei Cpr gravi criticità, mancano alcuni arredi

Condividi

 

ROMA, 19 OTT – Fattori di “gravi criticità” sono stati riscontrati nei 4 centri di permanenza per il rimpatrio (Cpr) visitati quest’anno dal Garante nazionale per i diritti dei detenuti (Brindisi-Restinco, Palazzo San Gervasio (Pz), Bari e Torino).

In particolare, si legge nel rapporto, l’assenza di locali in comune e di alcuni elementi di arredo “pregiudicano pesantemente la qualità della vita” nelle strutture e determinano il “rischio di situazioni di degrado anche nell’esercizio dei più elementari diritti primari”.



Nella sua risposta il Viminale informa di essere “costantemente impegnato” a migliorare i Centri di permanenza per il rimpatrio e mantenere standard di vivibilità, “nel pieno rispetto dei diritti della persona e della sua dignità; ma ogni sforzo compiuto, con significativi oneri, viene spesso vanificato dai continui e violenti comportamenti degli ospiti in danno dei locali e degli arredi, con dirette negative conseguenze sulle loro stesse condizioni di vita”.  ANSA

Migranti incendiano il centro rimpatri di Torino



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -