Manodopera in nero: azienda sequestrata, arrestata cinese

Condividi

 

PISTOIA, 19 OTT – Undici operai cinesi, tutti risultati in nero e sprovvisti del permesso di soggiorno, sono stati trovati in un’azienda tessile di Quarrata (Pistoia) mentre erano intenti a confezionare abiti. Arrestata la titolare della confezione, una cittadina cinese di 50 anni residente a Prato.

Il blitz dei carabinieri di Quarrata, insieme a personale del nucleo carabinieri dell’ispettorato del lavoro di Pistoia, della polizia municipale di Quarrata e dell’Asl, è scattato nella serata di ieri. Dai controlli è stato anche accertato che gli operai erano sottoposti a ritmi di lavoro molto pesanti essendo impiegati almeno per dieci ore al giorno e con una paga connessa ai risultati conseguiti ma che non superava, nella migliore delle ipotesi, i quaranta euro giornalieri.



L’azienda è stata posta sotto sequestro così come tutto il materiale in essa contenuto. La titolare è stata dichiarata in stato di arresto per sfruttamento della manodopera clandestina e sfruttamento del lavoro.



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -