Oliviero Toscani al sindaco di Riace: «Venga a Treviso, lo ospitiamo noi»

Condividi

 

Sono stati revocati gli arresti domiciliari al sindaco di Riace Mimmo Lucano, sostituiti dal divieto di dimora. Lo ha deciso il tribunale del Riesame. Il sindaco calabrese accusato di istigazione all’immigrazione clandestina e altri reati, per il momento, non potrà rimanere nella sua città.

Il fotografo della Boschi, Oliviero Toscani, noto immigrofilo e simpatizzante di sinistra, si è offerto subito di ospitare a Lucano a Treviso nella “sua” Fabrica, il centro di ricerca comunicazione/creatività del gruppo Benetton, alle porte del capoluogo della Marca: «Mimmo Lucano venga a Fabrica – ha dichiarato il noto fotografo – Casa nostra è casa sua e qui potrà rimanere fino a quando potrà rientrare a Riace, fino a quando vorrà. Venga a insegnarci il futuro, perché abbiamo bisogno di lui ovunque: il nostro è un centro di resistenza e tutta l’Italia è come Riace».



Riace, procuratore di Locri: spariti 2 milioni, il sindaco li avrebbe usati per fini personali

Il modello Riace: fatture false, costi gonfiati, gestione opaca, finti matrimoni e gravi irregolarità

Riace, Lucano: continueremo a fare accoglienza con la solidarietà internazionale

Riace, prefetto Morcone (Pd): “Avvertii Lucano di stare attento, ma era in una specie di delirio”

Giustizia calpestata, Riace: sindaco ai domiciliari invita giornalisti a casa

Modello Riace, “veniva fatta la cresta perfino sulle spese di carburante”



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -