Riace, revocati gli arresti domiciliari al sindaco Lucano

Condividi

 

Sono stati revocati gli arresti domiciliari al sindaco di Riace Mimmo Lucano, sostituiti dal divieto di dimora. Lo ha deciso il tribunale del Riesame. Il provvedimento era stato preso dal giudice di Locri contro il primo cittadino per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e affidamento diretto fraudolento del servizio di raccolta dei rifiuti. Per Lucano i domiciliari erano scattati il 2 ottobre.

E’ stato quindi accolta solo parzialmente la richiesta dei legali del sindaco del Comune jonico. La decisione dei giudici reggini arriva a meno di 24 ore dalla discussione dell’istanza. Lucano rimane quindi indagato per una serie di reati legati alla gestione dell’immigrazione e al servizio rifiuti per la raccolta differenziata. Per il momento il sindaco rimane inoltre sospeso dalla carica di primo cittadino così come aveva disposto il prefetto Michele Di Bari dopo l’Operazione Xenia.  tgcom24.mediaset.it

Il modello Riace: fatture false, costi gonfiati, gestione opaca, finti matrimoni e gravi irregolarità



Riace, procuratore di Locri: spariti 2 milioni, il sindaco li avrebbe usati per fini personali

 

Riace, Lucano: continueremo a fare accoglienza con la solidarietà internazionale

Riace, prefetto Morcone (Pd): “Avvertii Lucano di stare attento, ma era in una specie di delirio”

Giustizia calpestata, Riace: sindaco ai domiciliari invita giornalisti a casa

Modello Riace, “veniva fatta la cresta perfino sulle spese di carburante”

 

 



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -