Italiani discriminati, stranieri intasano Pronto soccorso e saltano la fila

Condividi

 

di  tgcom24.mediaset.it – Noi italiani siamo un po’ passati in secondo piano su tutto, anche sulla sanità”: è così che si sfoga un uomo in attesa al pronto soccorso dell’Ospedale San Paolo di Milano alle telecamere nascoste di “Quarta Repubblica”, trasmissione su Rete 4.

L’altro giorno c’era una ragazza musulmana in stato di gravidanza, e il marito non ha assolutamente voluto che la visitasse un medico uomo. Sono dovute intervenire due dottoresse e quindi l’attesa si è prolungata per tutti”.



La fila può arrivare fino a due ore anche per un semplice codice verde: “Magari arrivano degli stranieri, con la scusa che non capiscono la lingua li fanno passare subito e così tutto rallenta”. Spesso sono i pazienti italiani che se ne accorgono, ma non protestano: “Brontolo un po’ è ovvio, ma se tu fossi un medico li manderesti via?” commenta una signora.



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -