Criticare il terrorismo islamico è una forma di “malattia mentale”?

Condividi

 

di Guy Millière

  • Di recente è stato pubblicato un rapporto di 615 pagine, scritto da un consigliere del presidente francese Emmanuel Macron, Hakim El Karoui, preposto a creare le nuove istituzioni di un “Islam francese”. Il report definisce l’islamismo come una “ideologia totalmente distinta dall’Islam” e inoltre non menziona mai i nessi esistenti fra l’islamismo e il terrorismo. Il rapporto insiste anche sulla urgente necessità di diffondere in Francia il “vero Islam” e di adottare l’insegnamento dell’arabo nelle scuole superiori pubbliche.
  • La richiesta da parte della magistratura a Marine Le Pen, di sottoporsi a una perizia psichiatrica per stabilire se sia sana, indica che le autorità francesi potrebbero ripristinare il vecchio utilizzo sovietico della “psichiatria” per mettere a tacere i dissidenti o gli oppositori politici.
  • L’offensiva giudiziaria contro Marine Le Pen ora si aggiunge a quella finanziaria. Anche se lei non viene incarcerata, la legge sembra essere stata utilizzata per esporla al rischio di essere dichiarata non eleggibile per le elezioni del Parlamento europeo che si terranno a maggio 2019.

Il 16 dicembre 2015, un giornalista francese di una emittente radiofonica mainstream paragonò il Front National (Fn), un partito francese di destra, allo Stato islamico (Isis) dicendo che esisteva una “convergenza di vedute” fra loro e che entrambi spingevano i propri sostenitori a “chiudersi nella propria identità”. Marine Le Pen, leader di Fn, parlando di un “inaccettabile scivolone verbale”, chiese alla stazione radiofonica il diritto di replica. Poi pubblicò su Twitter le immagini che mostravano i corpi delle vittime dello Stato islamico, aggiungendo: “L’Isis è questo!”

I media francesi l’accusarono immediatamente di trasmettere immagini “indecenti” e “oscene”, e subito dopo il governo francese chiese al Dipartimento di Giustizia di incriminarla. Inoltre, l’8 novembre 2017, l’Assemblea nazionale francese le revocò l’immunità parlamentare.



Pochi mesi dopo, un giudice incaricato dal governo francese, ha accusato Marine Le Pen di “diffondere immagini violente”, citando l’art. 227-24 del codice penale francese, che definisce il reato come segue:

“(…) diffondere (…) un messaggio di carattere violento, che istighi al terrorismo, pornografico o in grado di arrecare grave pregiudizio alla dignità umana o indurre i minori a dedicarsi a giochi che li mettano fisicamente in pericolo, ovvero di fare commercio di un messaggio del genere”.

Nell’ambito del procedimento, Marine Le Pen ha ricevuto una lettera della Corte che le ordinava di sottoporsi a una perizia psichiatrica per stabilire se sia sana di mente. La leader del Front National si è rifiutata di farlo, asserendo che mostrare gli orrori commessi dallo Stato islamico non è incitamento all’omicidio e che le immagini delle vittime del terrorismo non possono essere equiparate alla pornografia.

La richiesta del tribunale indica che le autorità francesi potrebbero ripristinare il vecchio utilizzo sovietico della “psichiatria” per mettere a tacere i dissidenti o gli oppositori politici.

(Afp)

Al momento, la presidente di Fn può essere arrestata ovunque, in qualsiasi momento, e rischia fino a cinque anni di carcere.

Da candidata alle elezioni presidenziali del maggio 2017, Marine Le Pen ottenne il 34 per cento dei voti nel secondo turno elettorale. Mandarla in prigione potrebbe provocare rabbia tra i suoi sostenitori, quindi il suo arresto non è previsto.

Quello che sembra più probabile è che ci sia in atto un tentativo di intimidirla, e se possibile, distruggerla politicamente. Qualche settimana fa, il governo francese ha chiesto ai magistrati incaricati delle indagini sui “reati finanziari” di sequestrare due milioni di euro in fondi pubblici destinati all’ex partito di Marine Le Pen (il Rassemblement National, ex Fn, N.d.T.). L’offensiva giudiziaria contro la Le Pen ora si aggiunge a quella finanziaria. Anche se lei non viene incarcerata, la legge sembra essere stata utilizzata per esporla al rischio di essere dichiarata non eleggibile per le elezioni del Parlamento europeo che si terranno a maggio 2019.

Il presidente francese Emmanuel Macron sa che oggi il Front National è il primo partito di opposizione in Francia e che la leader di Fn è il suo principale avversario politico. Egli descrive se stesso come un paladino della visione “progressista” dell’Europa e come il nemico numero uno di coloro che vogliono opporre resistenza all’islamizzazione, all’immigrazione incontrollata e che desiderano difendere la sovranità nazionale – idee da lui definite come “lebbrose” e “venti furiosi“. Macron ha aggredito verbalmente il primo ministro italiano Matteo Salvini e il premier ungherese Viktor Orbán, i quali stanno creando un’alleanza europea tra movimenti nazionalisti che include il partito della Le Pen. Di contro, l’attuale inquilino dell’Eliseo è favorevole alle sanzioni europee contro l’Ungheria e la Polonia, se rifiutano di accogliere più migranti.

Macron ritiene che una vittoria dell’alleanza Salvini-Orbán non sarebbe soltanto una umiliazione per lui, ma che una vittoria del partito di Marine Le Pen in Francia comporterebbe il crollo definitivo della sua presidenza vacillante (la sua popolarità, che ha perso 6 punti nel mese scorso, ora si attesta al 23 per cento). Non può distruggere l’alleanza Salvini-Orbán, ma può influenzare il processo politico in Francia.

La posizione assunta da Macron contro la Le Pen potrebbe anche essere un tentativo da parte del suo governo di scongiurare una maggiore violenza islamica in Francia. Attualmente, i libri e le pubblicazioni che menzionano la dimensione violenta insita nell’Islam sono boicottati e sono titoli non presenti nelle librerie (il Corano, tuttavia, è ancora ampiamente disponibile). Le organizzazioni che contrastano l’islamizzazione della Francia e dell’Europa sono perseguitate giudizialmente. Pierre Cassen e Christine Tasin, i leader del principale sito web francese contrario all’islamizzazione, Riposte Laïque (“Risposta laica”), devono trascorrere una quantità di tempo sproporzionata in tribunale e vengono multati periodicamente. Per evitare la chiusura del loro sito web, hanno dovuto delocalizzarlo al di fuori della Francia e dell’Unione europea.

Di recente è stato pubblicato un rapporto di 615 pagine, scritto da un consigliere del presidente Macron, Hakim El Karoui, preposto a creare le nuove istituzioni di un “Islam francese”. Il report definisce l’islamismo come una “ideologia totalmente distinta dall’Islam” e inoltre non menziona mai i nessi esistenti fra l’islamismo e il terrorismo. Il rapporto insiste anche sulla urgente necessità di diffondere in Francia il “vero Islam” e di adottare l’insegnamento dell’arabo nelle scuole superiori pubbliche.

Nei media francesi, ogni menzione dei legami esistenti fra l’Islam e la violenza è stata quasi totalmente eliminata. Quando un musulmano compie un attacco con coltello al grido di “Allahu Akbar” (“Allah è il più grande”), il messaggio ufficiale pubblicato ancor prima di avviare qualsiasi indagine afferma immancabilmente che quello che è successo “non ha niente a che fare con l’Islam” e “non ha alcuna natura terroristica“. Tutti i media riprendono ciecamente il messaggio e lo diffondono. In un attacco di questo tipo, perpetrato il 9 settembre a Parigi, sette persone sono rimaste ferite, quattro in modo grave.

Di recente, lo scrittore Éric Zemmour ha parlato in televisione dell’elevata presenza di giovani musulmani fra i detenuti reclusi nelle carceri francesi e della crescita dell’antisemitismo nei sobborghi francesi. Il Conseil supérieur de l’audiovisuel (CSA), una istituzione preposta a regolamentare e controllare le comunicazioni su radio e televisioni in Francia, ha detto all’emittente tv che Zemmour aveva espresso “commenti stigmatizzanti nei confronti dei musulmani” e che la stazione televisiva avrebbe subito gravi conseguenze se lo scrittore avesse reiterato quei commenti. Un presentatore di un talk show francese ha iniziato a far circolare una petizione in cui si chiede che Zemmour sia totalmente escluso dai media francesi. La petizione ha raccolto più di 300mila firme in una settimana.

Zemmour si è chiesto se il gulag sovietico debba essere riaperto apposta per lui o se sia costretto a scegliere l’esilio volontario. Ha ricevuto così tante minacce di morte che ora è sotto scorta della polizia giorno e notte.

Il politologo Jean-Yves Camus ha asserito che sebbene non sia d’accordo con le opinioni di Marine Le Pen, “ovunque e sempre, dire di un avversario politico che è ‘pazzo’ apre le porte al totalitarismo“.

Regis de Castelnau, un avvocato, ha scritto nel mensile Causeur:

Esiste un paese in Europa dove il primo partito di opposizione, dopo essersi fatte confiscare le risorse finanziarie, vede la propria leader convocata dalla magistratura per sottoporsi a una perizia psichiatrica. È la Russia di Putin o l’Ungheria di Orbán. No. È la Francia“.

A tutti coloro che ridono dei problemi dei loro avversari politici”, egli ha aggiunto, “sarebbe saggio ricordare che se accettano gli attacchi alle libertà politiche, presto potrebbe essere il loro turno“.

Guy Millière, insegna all’Università di Parigi ed è autore di 27 libri sulla Francia e l’Europa.

https://it.gatestoneinstitute.org



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -