Germania, “Voli charter per rispedire i migranti in Italia”

Condividi

 

Voli charter per rimandare i migranti a Roma, in applicazione del “Trattato di Dublino”: è l’accelerazione sui rimpatri alla quale la Germania starebbe lavorando per riportare i profughi sbarcati in Italia e poi spediti a Berlino nel loro paese “competente”, e cioè quello di approdo che, stando alle regole, ha il dovere di valutare le richieste d’asilo. Ci sarebbero anche due date partenza, comunicate tramite lettera ai profughi tedeschi: il 9 e il 19 ottobre.

A dare conferma delle date è Stephan Reichel, il presidente di “Matteo”, associazione delle chiese cattoliche e protestanti che aiutano i profughi, che sentito da Repubblica, ribadisce non solo l’invio delle lettere ma anche l’intenzione di “usare voli charter per rispedire i migranti in Italia. Così ne mandano a Roma o a Milano molti di più”. Notizia tuttavia smentita da fonti del Viminale: “Non ci risultano voli charter programmati, ma se fosse vero potrebbe essere un problema politico e diplomatico”.

Di certo, sul rientro dei migranti arrivati alla frontiera tedesca c’è una trattativa in corso proprio tra il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer e Matteo Salvini. Un accordo bilaterale annunciato dal collega tedesco al quale però manca ancora la firma del capo del Viminale. E di certo, proprio perché le regole del Trattato di Dublino sono in vigore, una decina di cosiddetti “dublinanti” a settimana (e cioè i richiedenti asilo indentificati nel paese di approdo) rientrano quotidianemente in Italia, su voli di linea, dopo le dovute verifiche. Diverso sarebbe la spedizione coatta su voli charter, che aprirebbe una gravissima crisi diplomatica tra Roma e Berlino.  tgcom24.mediaset.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -