Legittima difesa: cosa prevede il testo per la riforma

Condividi

 

Depositato in commissione Giustizia al Senato il testo unificato per la riforma della legittima difesa: processi più rapidi, spese a carico dello Stato, pene fino a 7 anni di carcere per furti e rapine con obbligo di risarcimento, stop alle richieste di rimborso. Lo fanno sapere i leghisti Andrea Ostellari, presidente della commissione Giustizia del Senato e relatore del testo, i sottosegretari alla Giustizia Jacopo Morrone e all’Interno Nicola Molteni.

“Risponde alle richieste degli italiani e realizza – sottolineano in una nota – gli obiettivi stabiliti dal Contratto di Governo. È nato dopo un percorso di ascolto, che ha avuto come protagoniste le vittime di reato. Nessun far west, nessuna licenza ad armarsi. Prima rivoluzione: la difesa diventa ‘sempre’ legittima. Le dovute fasi di accertamento e gli eventuali processi saranno più immediati. Le spese legali saranno a carico dello Stato: chi si è difeso, non pagherà più per dimostrare la sua innocenza. Seconda rivoluzione: pene più alte, fino a 7 anni di galera, per chi commette furti in abitazione, rapine e violazioni di domicilio, con obbligo di risarcimento dei danni procurati alle vittime. Stop alle assurde richieste di rimborso da parte di malviventi e loro parenti. Se rubi, prima restituisci e paghi i danni, altrimenti vai in galera subito. Chi commette un crimine, ora sa cosa rischia. Chi si difende in casa propria, sarà difeso anche dallo Stato. Finalmente”. askanews

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -