Fa sesso con donne per poi ricattarle, mullah afghano in fuga dalla lapidazione

Un religioso afgano, che girava filmati mentre faceva sesso con delle donne per poi ricattarle in seguito, si è dato alla fuga dopo che le immagini, finite sul web, hanno spinto altri leader religiosi a ordinare la sua morte per lapidazione, punizione che nell’Islam è riservata di regola unicamente alle donne accusate di adulterio.

L’uomo è un autoproclamato mullah (titolo religioso) noto come Rasool. Di mestiere fa il guaritore, realizzando amuleti per clienti in un sperduto villaggio nella provincia Nord-occidentale di Faryab. Rassol (“Profeta”) è accusato di aver sfruttato sessualmente e stuprato diverse donne che erano andate da lui per chiedere aiuto o consiglio. Rasool, il cui soprannome è Landay (che in lingua Pashtu significa “Piccolino”) avrebbe fatto i video per ricattare le donne con cui faceva sesso. Ma per sua sfortuna, nelle ultime settimane alcuni di questi video sono finiti in rete, diventando subito virali sui social media.

.Non è ancora chiaro quando siano stati realizzati i filmati o se siano stati girati proprio nel villaggio di Rasin a Chinar, nel distretto di Pashtunkot. In un di questi video pubblicati su Facebook si vede un uomo con barba e turbante con le sembianze di Rasool, mentre allenta i suoi larghi pantaloni bianchi, chiaramente eccitato. Intanto una giovane donna, che indossa un vestito lungo e un foulard, si toglie i pantaloni e si sdraia su un grande cuscino a terra sul quale viene consumato l’amplesso.

Mentre le identità delle donne non sono ancora note, i loro volti sono visibili nei video, visti decine di migliaia di volte. E ora queste donne rischiano la morte per adulterio in un Paese profondamente religioso. “Prevediamo che ci saranno delitti d’onore”, ha detto alla France Presse, il portavoce del governatore di Faryab, Jawed Bidar.Il capo del dipartimento provinciale Affari femminili, Sharifa Azimi, ha detto che le donne sono state “ingannate” e ha esortato i leader religiosi a dire ai loro fedeli che sono “vittime innocenti, non donne cattive”.

“Siamo molto preoccupati che vengano uccise”, ha detto Azimi all’AFP.Timori legittimi, visto che alcuni giorni fa il corpo di una donna, ancora non identificata, è stato ritrovato abbandonato in un fosso vicino al villaggio di Chinar.Sta di fatto che i principali leader religiosi di Faryab hanno condannato Rasool alla morte per lapidazione. “Se il governo lo arresta e lo punisce, va bene, altrimenti la gente lo insegua e lo lapidi fino alla morte”, ha detto Ghulam Nabi Ghafori, vice capo del Consiglio provinciale degli Ulema.

I guaritori tradizionali sono molto venerati nelle campagne ultra conservatrici, dove l’analfabetismo continua a dilagare. La mancanza di servizi sanitari convenzionali costringe molti a fare affidamento sui guaritori per una serie di problemi: dalle debilitanti malattie e infertilità, alla ricerca di oggetti rubati e al ricongiungimento degli amanti perduti.Per aiutare la polizia a rintracciare Rasool, il governatore provinciale Naqibullah Faiq ha offerto la sua auto come ricompensa a chiunque abbia informazioni che portino al suo arresto. “Sarà arrestato, non ha dove andare all’estero”, ha detto Faiq.(Con fonte Afp)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -