Rapina in casa, coniugi massacrati: “Pensavo che ci avrebbero ammazzato”

Condividi

 

“A ogni domanda mi dava un cazzotto. Poi ha tagliato l’orecchio di mia moglie e non ho capito più niente. Ero convinto che c’avrebbero ammazzato tutti e due”. E’ la drammatica testimonianza di Carlo Martelli, a poche ore dalla brutale rapina subìta in casa assieme alla moglie, Niva Bazzan, alla quale i malviventi hanno tagliato il lobo dell’orecchio destro. L’orrore avviene nella villa dei coniugi a Carminiello di Lanciano, in provincia di Chieti: nella notte tra sabato e domenica, quattro, forse cinque uomini hanno fatto irruzione nell’abitazione della coppia.

“Sono stato massacrato, poi sbattuto a terra e legato mani e piedi tipo incaprettatura – ha detto il chirurgo cardiovascolare in pensione in un’intervista al ‘Tg1’ dall’ospedale in cui è ricoverato -. Mia moglie è stata presa e portata via, l’hanno legata. Mi dicevano ‘o ci dice dove sta la cassaforte o la tagliamo a pezzi'”, ha raccontato il medico.

I malviventi si sono poi fatti consegnare bancomat e carte di credito prima di mettere a soqquadro la stanza del figlio della coppia, senza toccarlo. Una volta fuggiti, il medico è riuscito a liberarsi dalle fascette con cui era stato legato, a liberare la moglie e a dare l’allarme. E ora è caccia all’uomo da parte della Questura di Chieti, del Commissariato di Lanciano e della Scientifica. ADNKRONOS

Rapina in casa nel Chietino: aggrediti coniugi, alla donna tagliato un orecchio

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -