L’Italia regala 5 milioni di euro alla Tunisia “per lo sviluppo rurale”

Condividi

 

TUNISI, 17 SET – Migliorare le condizioni di vita della popolazione delle aree di confine nel sud della Tunisia attraverso lo sviluppo di conoscenze e competenze di istituzioni locali e società civile al fine di aumentare la produzione agricola e la diversificazione delle fonti di reddito delle famiglie rurali.

Questo l’obiettivo di un progetto di sviluppo dell’Ufficio regionale dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (Aics) di Tunisi e della locale ambasciata destinato alle delegazioni di Hazoua e Tamerza, nel governatorato di Tozeur, del quale oggi si è tenuta la cerimonia di firma dell’accordo, presso il ministero degli Affari Esteri tunisino, alla presenza dell’ambasciatore d’Italia, Lorenzo Fanara e del segretario di Stato per gli Affari Esteri Sabri Bachtobji.

Il progetto verrò realizzato nell’arco di tre anni grazie a una donazione della Cooperazione italiana di 5 milioni di euro, rende noto un comunicato della stessa Aics di Tunisi. A beneficiarne saranno 950 agricoltori del luogo, per un totale di oltre 1100 ettari in 18 aree irrigue.

La firma di questo importante protocollo d’intesa rafforza il sostegno italiano per lo sviluppo delle regioni meridionali, dove la Cooperazione italiana è presente fin dall’inizio della sua attività, dalla fine degli anni ’80. Detto progetto, inoltre, integra i valori di decentramento e sviluppo locale introdotti dalla Costituzione tunisina del 2014, a cui l’Italia contribuisce attraverso il suo programma di cooperazione.

(ANSAmed).

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -