Vaiolo delle scimmie, secondo caso in Gran Bretagna

Secondo caso di vaiolo delle scimmie in Gran Bretagna e l’allarme contagio inizia a prendere corpo. Dopo che un ufficiale della Marina nigeriana, recatosi in Inghilterra per prendere parte a un esercizio di addestramento del Ministero della Difesa (MoD) presso una base della Royal Navy in Cornovaglia, è stato trovato positivo al virus, un altro uomo sarebbe risultato infetto.

Come riporta l’Independent le due infezioni non sarebbero correlate tra loro e il Public Health England (PHE) britannico sta cercando di contattare chiunque possa entrare in contatto con uno dei pazienti. Entrambi sarebbero stati in Nigeria di recente. Il nuovo paziente avvrebbe contratto il virus mentre era in visita nel paese africano e gli è stato diagnosticato al Blackpool Victoria Hospital una volta tornato a casa.

L’uomo – scrive il Mattino –  è stato trasferito nell’unità specialista di malattie infettive presso il Royal Liverpool University Hospital. Il dott. Mike Beadsworth, direttore clinico dell’unità ha confermato il caso: «Stiamo trattando un paziente che è risultato positivo al virus»«Il paziente – prosegue il dott. Beadsworth – viene curato presso la nostra unità specialista di malattie infettive e tropicali da personale altamente qualificato che ha esperienza nel trattamento di una varietà di malattie infettive».

OMS: Contagi da Vaiolo delle scimmie in Nigeria. Lo “Sportello dei Diritti”: turisti e viaggiatori prestino attenzione anche se il rischio di contagio è dichiarato “basso”

Lo scorso 20 settembre 2017, l’OMS ha ricevuto la notifica di una sospetta epidemia umana di vaiolo delle scimmie in Nigeria, e più in particolare nello Stato di Bayelsa. Le indagini di laboratorio sono state condotte da numerosi centri epidemiologici. Dal 4 settembre al 9 dicembre, sono stati segnalati 172 casi sospetti e 61 casi confermati in diverse parti del paese.

Il vaiolo delle scimmie, una zoonosi rara che si verifica sporadicamente nelle aree forestali dell’Africa centrale e occidentale, è causata da un orthopoxvirus che può dare una malattia mortale. Le manifestazioni della malattia sono simili a quelle del vaiolo umano (eradicato nel 1980), tuttavia il vaiolo delle scimmie nelle persone è meno grave. La malattia è auto-limitante con una sintomatologia che generalmente si risolve entro 14-21 giorni. Il trattamento è solo di supporto. Si tratta della prima epidemia in Nigeria dal 1978.

Il virus è trasmesso attraverso il contatto diretto con sangue, fluidi corporei e lesioni cutanee/mucose degli animali infetti (ratti, scoiattoli, scimmie, ghiri, scimpanzé, roditori del genere Rhabdomys e altri roditori). La trasmissione secondaria da persona a persona è limitata, tuttavia può verificarsi a seguito di esposizione ad aerosol respiratorio, al contatto con persone infette o con materiali contaminati.

Durante le epidemie di vaiolo delle scimmie, il fattore d’infezione più significativo è l’aerosol respiratorio e il contatto diretto con i fluidi corporei, le lesioni cutanee del paziente o gli oggetti quali gli abiti recentemente contaminati dalle secrezioni del paziente o dagli essudati delle lesioni

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -