GB: la misoginia sia perseguita come crimine di odio

(ansa.it/canale_lifestyle) La misoginia potrebbe essere perseguita come crimine di odio. E il governo inglese, che sta per avviare una revisione completa della legislazione sui reati di odio , potrebbe diventare apripista sul tema di cui si dibatte in Europa da almeno 10 anni.

Il ministro della Giustizia Lucy Frazer del governo britannico ha annunciato al Parlamento il progetto, dopo che centinaia di messaggi erano arrivati ai parlamentari dalle associazioni tra cui Citizen Uk, protagonista d varie battaglie per i diritti civili e umani, e dopo che la laburista e leader dei diritti delle donne Stella Creasy ha presentato un emendamento a riguardo, prevedendo fino a due anni di prigione per il reato di misoginia.

E proprio dai cittadini è nata anni fa questa istanza, precisamente – ricordano gli attivisti di CItizen Uk – da quelli di Nottingham, in unione con le donne del Nottingham Women’s Center: una campagna pioneristica per far sì che la polizia del Nottinghamshire fosse la prima polizia a registrare i crimini di odio motivati ​​dalla misoginia – e ci è riuscita, poi proseguita a Manchester e in altre città.

La campagna contro la misoginia è sostenuta anche da associazioni di persone di colore e LGBTQ+ , come la Fawcett Society, Stonewall, Southall Black Sisters , convinte che sia arrivato il tempo di protezioni forti e nessuna ‘gerarchia’ nei crimini di odio.

Islam, la sharia e gli abusi sessuali sulle donne in Gran Bretagna

Islamizzazione in GB: uomini e donne separati a un comizio “labour”

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -