Allarme tubercolosi nel Vicentino, aumentano i casi

VICENZA. È emergenza tubercolosi. Stanziale o importata. Aumentano i casi. Al San Bortolo la proiezione per il 2018 è di 40 malati. Lo scrive il Giornale di Vicenza

Nel 2017 i ricoveri al San Bortolo sono stati 38, ma nel 2016 si erano fermati a 25 e nel 2015 a 16. Ogni settimana 3-4 persone in cura nelle stanze blindate off limits a pressione negativa con 6 ricambi di aria ogni ora. Ma un’impennata negli ultimi giorni. Ad Arzignano una recrudescenza di casi. In questo momento se ne segnalano una ventina su un territorio ad alto rischio per la presenza di lavoratori immigrati arrivati da paesi in cui la tbc è endemica.

È un afflusso costante su Vicenza da Arzignano e dintorni ma anche da Santorso, dal servizio di pneumotisiologia del territorio, in quanto il reparto di malattie infettive del San Bortolo è l’unico della provincia ad essere dotato, per una malattia ad alto grado di contagiosità, di stanze di isolamento in cui è possibile l’ingresso solo al personale medico e infermieristico.

In Africa la Tbc ha dimensioni enormi: 1,3 milioni i casi registrati nel 2016.

Migranti e malattie infettive: il legame c’è eccome, ma non si puo’ dire

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -