Libia: proclamato stato di emergenza a Tripoli

Stato di emergenza a Tripoli per gli scontri che si stanno verificando attorno alla capitale. Lo ha proclamato il Consiglio presidenziale libico. Alla base della decisione dell’organismo guidato da Fayez al Sarraj la volontà di proteggere la popolazione, gli impianti, le istituzioni, mentre media locali riportano l’avanzata a sud della settima brigata. Sulla strada dell’aeroporto vi sarebbero forti scontri. Gli scontri in corso tra le milizie rivali avrebbero provocato nell’ultima settimana almeno 39 morti e decine di feriti.

Questa la motivazione ufficiale dello stato di emergenza: “A causa del pericolo della situazione attuale e nell’interesse pubblico, il Consiglio presidenziale dichiara lo stato di emergenza nella capitale Tripoli e nei suoi sobborghi, per proteggere i civili, i possedimenti pubblici e privati ​​e le istituzioni vitali”. Il Consiglio ha chiesto la fine dei combattimenti e il rispetto del cessate il fuoco raggiunto in coordinamento con la missione delle Nazioni Unite in Libia.

Gli scontri sono scoppiati lunedì tra milizie rivali nel sud di Tripoli. La Libia è attualmente divisa tra due governi rivali: uno a Tripoli e l’altro nella città orientale di Tobruk. Le milizie continuano a lottare per il controllo delle aree vitali del Paese mentre il gruppo estremista dello Stato islamico mette in scena attacchi frequenti. (AdnKronos)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -