Un altro imprenditore si uccide, è il terzo in pochi giorni

Condividi

 

Egidio Calafiore, 69 anni, si è suicidato impiccandosi nel capannone che usava come deposito per i suoi camion, a Leinì. Non ha lasciato biglietti per spiegare quel gesto estremo ma il sospetto è che dietro si nasconda la delusione per un’attività imprenditoriale in piena crisi.

L’uomo, che viveva a San Benigno Canavese, era il titolare di una piccola azienda di autotrasporti, nella quale lavorava anche uno dei suoi due figli. Da qualche mese aveva perso commesse importanti e temeva il fallimento. Ne aveva parlato con i colleghi che condividevano il deposito nell’area ex MIllioil di Leinì, in via Lombardore 2018 dove è stato trovato il corpo mercoledì sera. Sul suicidio indagano i carabinieri.

E’ il terzo imprenditore che si toglie la vita in pochi giorni per motivi riconducibili alla crisi e alle difficoltà professionali. A Rivoli si è tolto la vita Gaetano Saviotti, 57 anni, dopo il fallimento della sua azienda di demolizione auto. A Campiglione fenile si è invece suicidato, per i troppi debiti dell’impresa, con un colpo di pistola l’artigiano Alessandro Davicino, 40 anni, padre di due figli

torino.repubblica.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -