Razzismo, Massimo Fini: “Ho il diritto di odiare chi mi pare”

Condividi

 

“Non si processano i sentimenti, e l’odio è uno di questi. Meglio un lungo percorso culturale per riconoscere e rispettare le diversità”. Massimo Fini, in una intervista al Fatto Quotidiano, accoglie la proposta del ministro Lorenzo Fontana, sulla legge Mancino: “Sono assolutamente d’ accordo”.

Leggi anche: “In piazza contro il razzismo immaginario. Questi, pur di…”. Fusaro da godere: asfalta la sinistra pro-invasione

Il motivo? Semplice:

“Abbiamo ereditato dal codice Rocco, senza nulla togliere a un grande giurista, tutta una serie di reati liberticidi come l’offesa alla bandiera, alle forze armate, al capo dello Stato. Li abbiamo mantenuti e ne abbiamo aggiunti altri. Una è la legge Scelba contro la riorganizzazione del partito fascista, che aveva un senso allora dopo la guerra e non ha più senso oggi. Un’ altra è la legge Mancino. Con questa si mettono le manette ai sentimenti, come l’ odio. Ho il diritto di odiare chi mi pare. Il limite è uno: quando torco il capello a chi non mi piace, per qualsiasi ragione, devo andare in gattabuia”.

www.liberoquotidiano.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -