Condannato e subito liberato, migrante accoltella un carabiniere

Condividi

 

Ha aggredito un autista dell’autobus sul quale stava viaggiando, schiaffeggiandolo, per poi accoltellare a un fianco un carabiniere intervenuto sul posto. E’ così finito in manette un cittadino del Burkina Faso di 28 anni, regolarmente in Italia con un permesso di soggiorno di lunga durata. L’episodio è avvenuto a Tiezzo di Azzano Decimo, nel Pordenonese, attorno alle 10:30 di mattina.

Dopo aver preso a pugni le vetrate del bus, c’è stata l’aggressione all’autista: a quel punto sono intervenuti carabinieri giunti con una seconda pattuglia dopo l’accoltellamento. Sul luogo è intervenuta anche la Polizia locale di Azzano Decimo.

IL PRECEDENTE – L’uomo era già stato già stato arrestato poco più di un mese fa e processato per direttissima il 28 giugno scorso per lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato: aveva patteggiato una pena di nove mesi ed era stato liberato.

SALVINI – Sulla vicenda è intervenuto via Facebook il ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Un 28enne del Burkina Faso, titolare di carta di soggiorno e con precedenti per oltraggio e resistenza, picchia un autista e accoltella un carabiniere. Ma per qualche buonista questo sarà senz’altro un reato lieve… .#tolleranzazero”. ADNKRONOS

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -