Migranti accerchiano e feriscono Cc e due 60enni per difendere uno spacciatore

Condividi

 

Due carabinieri circondati e aggrediti da un gruppo di immigrati che difendevano la fuga di uno spacciatore tunisino. Pestata anche una coppia di italiani accorsa in aiuto dei militari.

Siamo a Vittoria, nel ragusano, dove una pattuglia di Carabinieri stava cercando di arrestare un tunisino quando sono stati circondati e pestati da un gruppo di africani. La pattuglia, in una piazza nota per lo spaccio di droga, si era messa sulle tracce di un pregiudicato tunisino di 33 anni. I militari lo hanno perquisito e gli hanno chiesto i documenti. Addosso l’uomo conservava ben 70 grammi di hashish, tutto ben diviso e pronto per essere venduto illegalmente.

Come ovvio, l’Arma ha tratto in arresto l’immigrato. O almeno ci ha provato. Il tunisino infatti si è dato alla fuga, coperto dai connazionali che in quel momento erano in piazza e hanno assistito alla scena. Gli immigrati hanno circondato i carabinieri e li hanno feriti. Uno dei due militari ne avrà per 7 giorni, mentre l’altro ha riportato una prognosi di 30 giorni. I migranti lo hanno pestato fino a fratturargli lo zigomo.

Ad aiutare le forze dell’ordine ci hanno provato due italiani, un uomo e una donna di 62 e 60 anni, che eroicamente hanno cercato di intervenire in difesa dei carabinieri. Gli immigrati si sono dunque accaniti anche contro di loro: la donna ha riportato la frattura del setto nasale. Il tunisino, alla fine, è stato prontamente arrestato.

Duro il commento del ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Spacciatore tunisino fugge con la complicità dei connazionali – ha scritto su Facebook – eroici i due coniugi sessantenni che, per aiutare i Carabinieri ad arrestarlo, sono finiti all’ospedale. Al pregiudicato ‘pagatore di pensioni’ servono galera ed espulsione”.

www.ilgiornale.it

Agenti feriti, Sap: Gabrielli non ha ancora dato disposizioni su sperimentazione taser

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -