Bufera sulla comunità Oasi 7, prete accusato di abusi da un ragazzo straniero

Condividi

 

Costretto a diventare l’amante di un frate cappuccino, minacciato e picchiato perchè aveva deciso di scappare. Questa l’accusa che un ragazzo straniero ha rivolto a padre Antonio Zanotti, fondatore della comunità di accoglienza per profughi e minori in difficoltà “Oasi 7”. Il giovane, ora trasferito in un luogo protetto, ha vissuto nella comunità bergamasca per oltre quattro anni, come scrive Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera.

A corredo di tutto ci sarebbero filmini e foto hard già stati depositati in Vaticano e alla Procura di Roma, insieme a una denuncia per violenza sessuale. “Un’esperienza terribile per cui ho anche tentato di togliermi la vita”, ha raccontato il giovane, che alla fine si è deciso e ha chiesto aiuto al Vaticano e alla magistratura. Ma non si tratterebbe di un caso isolato, altri due giovani hanno già depositato presso lo studio Bernardini De Pace la propria testimonianza e sono pronti a parlare con i pm e con le autorità ecclesiastiche.

I legali del giovane hanno “chiesto un intervento urgente, soprattutto tenendo conto che nella comunità sono ospitati numerosi giovani in difficoltà che devono essere protetti. E perché vogliamo sapere da dove provengono tutti i soldi che padre Zanotti ha a disposizione e come mai finora non gli è stato chiesto conto del loro utilizzo”.

Nel 2014 il ragazzo approda alla comunità Oasi 7, come riporta sempre il Corriere della Sera. “Nei primi mesi — racconta nella denuncia — mi sentii accolto dal frate e dalla comunità, ma notai subito l’eccessivo lusso nel quale era abituato a vivere padre Zanotti, molto lontano dai costumi francescani. Per circa un anno svolsi attività lavorativa in cambio di solo vitto e alloggio, nonostante padre Zanotti mi avesse promesso una assunzione regolare in tempi brevi presso la cooperativa “Rinnovamento” di Antegnate in provincia di Bergamo. Dopo circa 3 mesi dal mio ingresso all’“Oasi 7” il frate cominciò ad approcciarmi sessualmente, prima con abbracci, poi dopo avermi invitato a bere nella sua stanza. Nonostante non fosse mio desiderio avere rapporti sessuali con il frate, non riuscivo a oppormi. Padre Zanotti cominciò a farmi dei regali costosi, qualunque cosa chiedessi me la acquistava. Se accondiscendevo alle sue richieste, mi faceva trovare dei soldi”.

www.affaritaliani.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -