Cassazione: ‘giusto licenziare operaio lento nel lavoro’

L’operaio che lavora troppo lentamente è licenziabile. A stabilirlo è la Cassazione, che ha respinto le obiezioni dell’ormai ex dipendente di un’azienda del settore delle energie alternative di Genova. A riportare la notizia è il quotidiano online Diritto e Giustizia, edito da Giuffré Francis Lefebvre.

Il lavoratore era stato licenziato nel 2013 perchè “troppo lento” nello svolgere le proprie mansioni. Nelle motivazioni della sentenza, presentate pochi giorni fa, i giudici confermano le decisioni già prese in primo grado e in appello, ricordando che l’azienda contestava all’operaio di aver “impiegato più di tre ore e mezza di tempo per eseguire una lavorazione” quando invece un altro “operaio con esperienza analoga avrebbe eseguito in poco più di mezz’ora”. In più, su di lui pendevano già “tre precedenti sanzioni disciplinari”.

L’azienda lo aveva quindi licenziato, come prevede lo Statuto dei Lavoratori e il Cnl, per “voluta negligenza e lentezza nell’esecuzione del lavoro”.

Gli ermellini hanno quindi confermato il provvedimento aziendale e hanno anche respinto l’ipotesi che vi sia stato un “controllo” eccessivo da parte della società, considerando legittima “l’installazione di impianti ed apparecchiature di controllo poste per esigenze organizzative e produttive o a tutela del patrimonio aziendale” e da cui “non derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività lavorativa né risulti in alcun modo compromessa la dignità e la riservatezza dei lavoratori”.

www.today.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -